hamburger menu

Campobasso ricorda la strage di Capaci: in piazza la Teca con i resti dell’auto di scorta di Falcone

Manifestazione in piazza Prefettura. Il sindaco Roberto Gravina accoglie la vedova dell'agente Antonio Montinaro, Tina Montinaro

Pubblicato:10-10-2022 16:58
Ultimo aggiornamento:10-10-2022 16:58
Canale: Molise
Autore:
strage di capaci
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

CAMPOBASSO – “L’impatto doloroso e tremendo che ebbe, nella storia del nostro Paese, l’attentato a Giovanni Falcone, così come quello al giudice Borsellino, resta indelebile e profondo. La Teca che oggi, grazie all’Associazione Quarto Savona Quindici e all’Associazione nazionale antimafia ConDivisa, Sicurezza e Giustizia, ospitiamo nel centro della nostra città, rappresenta, molto più che simbolicamente, la lacerazione che gli italiani hanno avvertito nella loro vita quando, poco più di trent’anni fa, la ferocia che nasce dall’illegalità tolse la vita a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli uomini della loro scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani”. Così il sindaco di Campobasso Roberto Gravina sull’arrivo in piazza Prefettura della Teca contenente i resti della Fiat Croma blindata, macchina di scorta di Giovanni Falcone, su cui il 23 maggio 1992, giorno della strage di Capaci, viaggiavano Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.

GRAVINA: RICORDO VITTIME SI INNESTA SUL PRESENTE

“Il ricordo e la riconoscenza che oggi abbiamo per tutti loro e per i loro familiari, così come per tutte le vittime della mafia e della criminalità organizzata – ancora il primo cittadino – è un ricordo che si innesta necessariamente nel presente, perché è esempio dell’estremo sacrificio compiuto da uomini e donne che hanno inteso la loro vita come opera di servizio verso il nostro Stato e, quindi, verso ognuno di noi”.
La Teca è stata scoperta nel corso di una manifestazione che ha accolto, oltre alle autorità civili e religiose e a numerose scolaresche della città, anche la vedova dell’agente Antonio Montinaro, Tina Montinaro.

INSEGNAMENTO DA FISSARE NELLA MEMORIA STORICA DEL PAESE

“Un tale esempio, un tale insegnamento – ha sottolineato Gravina – vanno fissati nella memoria storica e civile dell’intero popolo italiano e, soprattutto, vanno trasmessi alle giovani generazioni. Per questo compito, portato avanti nel tempo con inalterata competenza e sensibilità, dobbiamo ringraziare il mondo della scuola che intorno ai temi della legalità costruisce percorsi che diffondono non solo conoscenza, ma aprono ai giovani e a tutti noi il campo a riflessioni più complesse, riflessioni che sono necessarie per capire la natura criminale di un fenomeno come quello della mafia o di altre organizzazioni simili”.

SINDACO: MAFIA SI INSINUA NELLE DIVISIONI ISTITUZIONALI

“La mafia – ancora le parole del sindaco – si insinua nelle divisioni istituzionali prim’ancora che sociali del nostro Paese, ed è da lì che penetra, cresce e si diffonde nella nostra società. Quando siamo divisi come Istituzioni, la mafia ha campo libero, come lo ebbe quel 23 maggio del 1992. Si nutre di quello il male, della conflittualità sociale, per imporre con la violenza il proprio status quo”.

SI VINCE SOLO RESTANDO UNITI E VICINI A VALORI COSTITUZIONALI

Per contrastare ogni tipo di violenza criminale, ha concluso Gravina, “dobbiamo ritrovarci uniti intorno ai nostri valori costituzionali e vicini a chi ha donato la propria vita per difenderli e permetterci così di essere liberi e non assoggettati alla legge del più forte. Uniti proprio come oggi lo siamo in questa piazza, l’uno accanto all’altro, con l’orgoglio di essere parte di un Paese che ha avuto uomini e donne che l’hanno difeso, come Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, e che ha saputo rispondere agli attacchi della mafia come anche del terrorismo, con il sostegno quotidiano di tutti gli italiani consapevoli che accanto a ogni intervento di tipo legislativo o di controllo del territorio, viene il ruolo che ognuno è chiamato ad assolvere, con trasparenza e rispetto della legalità, ogni giorno nella società in cui viviamo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-10-10T16:58:30+01:00