Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dal 15 ottobre anche Forte Bard gratis per under 25 Vda

forte_di_bard_ph_fb
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – La rete dei siti culturali regionali visitabili gratuitamente dai valdostani under 25 si amplia. Dal 15 ottobre, anche il Forte di Bard si fa promotore del ‘Valle d’Aosta Culture pass – under 25’, l’iniziativa lanciata dall’assessorato regionale ai Beni culturali questa estate, per favorire l’avvicinamento dei giovani al ricco patrimonio culturale valdostano e valida fino al 31 dicembre.

“Crediamo che siano proprio i ragazzi ad accendere quel particolare entusiasmo, all’interno della famiglia, verso la ricerca della cultura e di quei luoghi che la rivelano”, ha spiegato l’assessore ai Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio, Jean-Pierre Guichardaz, descrivendo i giovani come il motore per creare quella “cultura delle culture” nelle famiglie.

La gratuità per gli under 25 permette inoltre di favorire “la fruibilità dei siti regionali anche alle famiglie più numerose che finora per scelte di tipo economico, non lo hanno fatto”, ha aggiunto Guichardaz e con l’inserimento del Forte di Bard all’interno del circuito culturale “siamo sicuri che la nostra iniziativa sarà ulteriormente apprezzata, anche in considerazione della ricca programmazione autunnale che il polo museale ha in programma”, ha concluso l’assessore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»