Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No Green Pass, nella notte assalto al Policlinico Umberto I: devastato il pronto soccorso

umberto i
Stando a quanto si apprende, sarebbero quattro i feriti tra il personale sanitario e le forze dell'ordine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il pronto soccorso del Policlinico Umberto I di Roma è stato devastato questa notte da un’incursione di decine di manifestanti ‘No Green Pass’. All’interno del pronto soccorso era ricoverato un altro manifestante, già in stato di fermo. Stando a quanto si apprende, sarebbero quattro i feriti tra il personale sanitario e le forze dell’ordine.

“Ora c’è anche l’assalto al pronto soccorso del Policlinico romano Umberto I. Le manifestazioni contro il green pass stanno assumendo un carattere di violenza assoluta. Il ministero dell’Interno ci rifletta”. Lo denuncia il senatore Pd Andrea Marcucci.

D’AMATO VISITA UMBERTO I DOPO VIOLENZE: GIÙ MANI DA PERSONALE SANITARIO

“Un attacco inaudito ed intollerabile che ha coinvolto il Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I, dove ieri notte, medici ed infermieri sono stati costretti a sigillare i locali per arginare la pressione violenta dei manifestanti arrivati a decine. Ho voluto ringraziare questa mattina le nostre operatrici e i nostri operatori per il coraggio e la dedizione, non hanno fatto un passo indietro contro i violenti ed hanno sempre garantito l’assistenza. Il bilancio purtroppo parla di due operatori sanitari feriti, una infermiera ha ricevuto una bottiglia in testa e due agenti feriti. E’ intollerabile, giù le mani dal personale sanitario”. Lo dice l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato che questa mattina, accompagnato dal direttore generale del Policlinico Umberto I, Fabrizio d’ Alba e Francesco Pugliese Direttore del DEA, ha visitato il Pronto soccorso e incontrato gli operatori in servizio dopo la denuncia di quanto accaduto ieri dopo le manifestazioni quando uno dei fermati è stato portato in Pronto soccorso per accertamenti dato lo stato di visibile alterazione mostrato.

La persona in stato di fermo domani sarà processata per direttissima. Durante il triage, l’uomo ha insultato e aggredito, non solo verbalmente alcuni operatori sanitari e il personale di vigilanza. Contemporaneamente all’esterno del Pronto Soccorso si erano radunati almeno 30/40 manifestanti violenti che hanno preso di mira con urla e slogan gli operatori sanitari. L’intervento della Celere ha evitato che la situazione degenerasse anche se i violenti entrati di forza nell’ area Accoglienza hanno in tutti i modi impaurito e minacciato i presenti. Tutti gli operatori sanitari – ai quali va il più grande sostegno e vicinanza – per aver saputo fronteggiare anche questa situazione, dopo quasi venti mesi di lavoro in prima linea contro il Covid – hanno comunque garantito il loro servizio, nonostante il clima di paura ed intimidazione imposto dai manifestanti che sono stati poi allontanati dalla celere che ha presidiato l’ospedale per tutta la notte”, conclude il direttore d’Alba.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»