Siria, bloccato un volo per Istanbul all’aeroporto di Capodichino

Con un'azione dimostrativa Potere al Popolo, comitati, collettivi e attivisti napoletani si sono presentati al gate della Turkish Airlines all'aeroporto di Capodichino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Azione dimostrativa al gate della Turkish Airlines all’aeroporto di Capodichino. Potere al Popolo, comitati, collettivi e attivisti napoletani, bloccando le operazioni di imbarco per un volo diretto a Istanbul, hanno voluto esprimere solidarietà con il popolo curdo, “contro l’invasione e i bombardamenti portati avanti dal governo turco di Erdogan”.

Siria, l’Onu: “Decine di migliaia in fuga”. Di Maio convoca l’ambasciatore turco

La richiesta al ministro degli Esteri Luigi Di Maio è di compiere “fatti concreti come lo stop all’export di armi; il ritiro del contingente di 130 uomini impegnato in Turchia in un’operazione Nato; lo stop ai fondi Ue a Erdogan; la sospensione della cooperazione tra le intelligence; la sospensione del programma relativo agli F35; le sanzioni diplomatiche per i governanti di Ankara, Erdogan in primis”.

“Il rifiuto morale dell’aggressione turca è – sostengono i manifestanti – assolutamente privo di forza e non basterà sfortunatamente a bloccare l’offensiva. Servono fatti, non parole. L’Italia deve adottare una diplomazia di pace attiva, contribuendo alla giustizia e alla pace tra i popoli”. Inoltre, sabato 12 ottobre alle 16 a Napoli è organizzato un presidio di solidarietà a largo Berlinguer.

Comandante curda Issa: “Turchia può fare un genocidio e liberare i terroristi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»