Siria, monsignor Hindo: “I curdi perderanno tutto, come ad Afrin”

"È stata una mossa stupida quella curda, ma a pagarne le conseguenze saranno i cristiani", dice l'arcivescovo siro-cattolico emerito di Hassaké-Nisibi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Come sempre ognuno ha i propri interessi, ma saremo noi cristiani a pagarne le conseguenze“: monsignor Jacques Behnan Hindo, arcivescovo siro-cattolico emerito di Hassaké-Nisibi nella zona curda di Siria, ha commentato con queste parole per la fondazione Aiuto alla Chiesa che soffre le notizie che giungono dal confine tra Siria e Turchia. Due cristiani sarebbero stati uccisi ed altri feriti nell’ambito di un attacco avvenuto nelle scorse ore alla Chiesa di San Giorgio a Qamishlo. Monsignor Hindo aveva incontrato lo scorso marzo i leader del Partito democratico curdo (Pyd).

Erdogan annuncia il via all’offensiva in Siria. M5s: “Nato e Onu fermino la Turchia”

“Li ho invitati a desistere dai loro piani – afferma – loro credono di aver diritto a una regione autonoma così come vi è un Kurdistan iracheno e uno turco. Ma la popolazione curda in quelle aree della Siria è appena del 10%. Inoltre si tratta di persone giunte come richiedenti asilo dopo il 1925, che hanno nazionalità turca o irachena. Non hanno alcun diritto”. Il presule è convinto che i curdi perderanno lo scontro con la Turchia, soprattutto per il mancato supporto da parte degli Stati Uniti e delle altre forze occidentali. “È stata una mossa stupida quella curda, era chiaro che nessuno li avrebbe aiutati. Ora perderanno tutto, come è accaduto ad Afrin”.

In queste ore il pensiero di monsignor Hindo va alle 5mila famiglie della diocesi di Hassaké-Nisibi. “Nei giorni scorsi in molti si erano già spostati dalle città di frontiera ad Hassaké. Ora il conflitto è divenuto ancor più grave e temo che saranno in tanti ad emigrare. Dall’inizio della guerra in Siria il 25% dei cattolici di Qamishlo ed il 50% dei fedeli di Hassaké hanno lasciato il Paese assieme al 50% degli ortodossi. Temo un simile esodo se non maggiore”. Vi è forte preoccupazione anche per l’alta presenza nell’area di affiliati all’Isis.

“Questa mattina ho appreso che sarebbe stata colpita la prigione di Chirkin, dove sono detenuti jihadisti dello Stato islamico. A che pro? In questo modo la gran parte di loro sarà libera. Questo è un piano per distruggere la Siria e non solo. Ora i terroristi arriveranno anche in Europa, attraverso la Turchia e con il sostegno dell’Arabia Saudita”. Monsignor Hindo richiama altresì la comunità internazionale alle proprie responsabilità.

Stati Uniti, Italia, Francia, Regno Unito, Germania, dovrebbero tutti fare mea culpa. Hanno agito in Siria per i loro interessi, nascondendosi dietro gli ideali della libertà e della democrazia. E invece non hanno fatto che indebolire il nostro Paese a spese della popolazione. Per quale motivo non combattono per la libertà e la democrazia in Arabia Saudita?”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»