‘Accolti’, l’open day promosso dalla Cei a sostegno dei disabili

medici_braccia
Partecipano le strutture di Venosa e Bernalda dei Padri Trinitari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Conto alla rovescia per il grande evento nazionale ‘Accolti’, promosso dall’Ufficio per la Pastorale della Salute della Conferenza Episcopale Italiana. L’open day si svolgerà sabato 13 ottobre in tutta Italia e coinvolgerà molte strutture, luoghi di accoglienza dedicati alla terapia e alla riabilitazione delle persone affette da disabilità mentale. Il senso è porre la giusta attenzione a un mondo complesso e troppo spesso emarginato. “Finalmente chi sparla senza vedere potrà, se vorrà, sincerarsi con i propri occhi quando si usa a sproposito il termine segregazione” ha detto padre Virginio Bebber, presidente dell’Associazione Religiosa degli Istituti socio-sanitari.

Tanti i Centri di riabilitazione associati all’iniziativa promossa dalla Cei. Anche la ‘Domus’ dei Padri Trinitari di Bernalda e il Centro di riabilitazione ‘Ada Ceschin Pilone’ del medesimo Ordine con sede a Venosa aderiscono al progetto con un fitto programma che prevede visite guidate delle strutture riabilitative e degli spazi collettivi. “Anche noi abbiamo aderito a questa iniziativa- ha detto padre Luigi Buccarello, ministro provinciale dei Padri Trinitari- Siamo felici perché saranno presenti sabato molte scolaresche dei nostri territori, ma è prevista anche un’alta affluenza della cittadinanza. Il nostro scopo è aprire le nostre strutture perché non vogliamo essere delle isole, ma parte integrante del territorio. Il programma è articolato, ma il momento più significativo è sicuramente la partecipazione degli ospiti ai laboratori didattici di ceramica, falegnameria, mosaico, cartapesta e agricoltura, che sono attivi per i nostri ragazzi tutto l’anno”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»