Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zingaretti: “Nuovi reparti ospedale di Tivoli sono un segnale concreto”/VD

Il presidente della Regione Lazio: "Riaprire un reparto di Neonatologia all'avanguardia a Tivoli è un segnale importante"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

N. Zingaretti

ROMA – “Ricostruire la sanita’ vuol dire scommettere e fare cose concrete. La riapertura di un reparto super moderno e all’avanguardia, come quello di Neonatologia, di un ospedale della provincia come Tivoli e’ un segnale molto importante”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, inaugurando i reparti di Neonatologia ed Emodinamica h24 del presidio ospedaliero di Tivoli.


Una nuova Sala Parto, cosi’ come anche l’Emodinamica h24– ha spiegato Zingaretti- che evitera’ il flusso e il pendolarismo verso Roma per un problema sanitario, perche’ l’emodinamica e’ uno di quei casi nei quali spesso dalla provincia bisognava recarsi nei grandi ospedali romani. Portarla h24 grazie alle nuove assunzioni fatte e’ un segnale che le cose stanno cambiando”. Zingaretti ha infine sottolineato che “per la seconda volta consecutiva in pochi anni stiamo approvando i Piani operativi, cioe’ i piani di cura del nuovo triennio. Con molto piu” personale, con piu” investimenti e sopratutto con moltissima innovazione”.

di Alessandro Melia, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»