Franceschini: “Da domani tornano le ‘Domeniche di carta’ in tutta Italia”

Un patrimonio sterminato - fatto di libri, documenti, fotografie, stampe, materiali audiovisivi, disegni e incisioni - spesso consultato soltanto da archivisti e studiosi, che si vuole invece aprire al grande pubblico.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

dario franceschiniTorna domani l’iniziativa ‘Domeniche di carta’ con cui il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo promuove l’apertura straordinaria delle biblioteche e degli istituti archivistici di tutta Italia.

Tante le iniziative che, distribuite in tutta la Penisola, accolgono studiosi e cittadini, adulti e bambini nei prestigiosi luoghi che custodiscono la memoria del nostro paese. Un patrimonio sterminato – fatto di libri, documenti, fotografie, stampe, materiali audiovisivi, disegni e incisioni – spesso consultato soltanto da archivisti e studiosi, che si vuole invece aprire al grande pubblico. Sul sito www.beniculturali.it l’elenco completo (aggiornato in tempo reale) delle biblioteche e degli archivi che apriranno domani in via straordinaria.

“L’Italia ha un patrimonio enorme e unico al mondo di archivi, biblioteche storiche e monumentali di una bellezza straordinaria- sottolinea il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – che abbiamo il dovere di valorizzare per farli tornare ad essere luoghi vivi e centrali nella scena culturale. Domani, con l’iniziativa ‘domeniche di carta’, gli italiani potranno riavvicinarsi a questo fantastico patrimonio e visitare edifici straordinari in cui è custodita la memoria del paese“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»