Ambiente, Geologi in Toscana per la Settimana della Terra dal 18 al 25 ottobre

“Quello che sta accadendo sulle Alpi è già
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

dissesto idrogeologico“Quello che sta accadendo sulle Alpi è già successo migliaia di anni fa in Toscana quando all’epoca c’erano ghiacciai che si fusero completamente. Venendo con noi, andando in questi luoghi riusciremo a vedere ciò che, purtroppo, accadrà in futuro sulle Alpi se non rallenteremo il cambiamento climatico in atto. La valle del Sestaione, uno scrigno di peculiarità naturalistiche e paesaggistiche di enorme interesse scientifico. Lì c’è un antico ghiacciaio, ormai completamente fuso ma che ha lasciato le tracce del suo passaggio impresse sulle rocce, una vegetazione unica che ricorda molto da vicino le Alpi”. Lo dice Simone Vergari, ricercatore del Centro naturalistico ed archeologico dell’Appennino Pistoiese.

“Ma come possiamo leggere tutto ciò? Risaliremo la valle per una straordinaria escursione e ripercorrere assieme- dice Vergari- gli ultimi 15.000 anni di storia di questi luoghi, nell’ambito della settimana del Pianeta Terra, dal 18 al 25 ottobre 2015. Conoscere i meccanismi che hanno modellato un territorio è la base per una corretta gestione e per una sua migliore valorizzazione; questa è la nostra idea guida e da subito abbiamo accolto con grandissimo interesse l’iniziativa della settimana del Pianeta Terra”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»