Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Valle d’Aosta punta sulla telemedicina con i fondi Pnrr

medico_ospedale
Tra gli obiettivi anche quello di creare due ospedali di comunità che aiutino a gestire il flusso che si riversa sull'ospedale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – Con i fondi in arrivo del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) la Valle d’Aosta “potrà potenziare i servizi di telemedicina” che tramite televisite e tele-consulenze “ci permetterà di portare il servizio sanitario nei luoghi più periferici” e creare “degli ospedali di comunità, che dovrebbero aiutarci a gestire gran parte del flusso che si riversa sull’ospedale”.

Il Pnrr ne prevede uno ogni 50.000 abitanti, quindi “la Valle d’Aosta dovrebbe ospitarne due”. Lo sottolinea l’assessore regionale alla Sanità Roberto Barmasse in apertura dei lavori del Tavolo Sanità di Progetto Civico Progressista, al salone Bcc di Aosta.

Nel piano regionale per la Salute e il Benessere “stiamo lavorando ad una maggiore integrazione tra ospedale e territorio” che sono complementari perchè “non c’è differenza tra un paziente trattato in ospedale e un paziente trattato sul territorio”, afferma l’assessore “Dovremo imparare a lavorare diversamente in ambito ospedaliero e territoriale” anche se “siamo consapevoli della importanti carenze in termini di personale sanitario” la cui soluzione è una priorità.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»