VIDEO | Resort blocca migrazione degli gnu in Kenya, sarà abbattuto

Era illegale anche se situato in un posto dove di solito gli gnu non transitavano. "A causa delle forti piogge però questi animali sono stati spinti a cercare un posto più sicuro"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un resort turistico costruito vicino al fiume Mara, in Kenya, che bloccava la migrazione degli gnu sarà abbattuto in settimana. Ad annunciarlo è stato un senatore della zona, Ledama Ole Kina, dopo un’ordinanza governativa. In un’intervista con l’emittente britannica Bbc, il senatore ha riferito che il resort, che ha bloccato per dieci giorni il passaggio degli gnu, era illegale e situato in un posto dove di solito non questi non transitavano ma che “a causa delle forti piogge gli animali sono stati spinti a cercare un posto più sicuro”. Ole Kina ha aggiunto che l’intera zona del fiume Mara sarà mappata e altri eventuali insediamenti illegali saranno anch’essi abbattuti in tempi rapidi. Della storia si sono occupati in questi giorni diversi quotidiani del Kenya, tra i quali The Standard. Martedì il ministro del Turismo kenyota, Najib Balala, aveva postato su Twitter un video in cui si vedeva una mandria di gnu che veniva respinta da alcune persone. Il ministro aveva subito chiesto al governatore della regione di agire per rimuovere il resort.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»