Catanzaro, a 20 anni dalla tragedia del camping Le Giare

Tredici le persone che furono travolte e uccise dalla furia del torrente Beltrame
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “Ogni 10 settembre tutta la comunità del capoluogo e della sua provincia torna indietro nel tempo. A quella tragica giornata del 2000. A quella sciagura che rappresenta, ancora oggi, un taglio vivo e profondo nella nostra memoria. Il dramma del camping Le Giare, delle 13 persone uccise dalla furia del torrente Beltrame, delle 13 famiglie che soffrono ancora oggi, non potrà mai essere dimenticato”. Così il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo ricordando i venti anni dall’alluvione che colpì il territorio catanzarese. “Catanzaro, Soverato, l’Unitalsi, la provincia e l’intera Calabria – ha aggiunto Abramo – continuano ad avvertire il dolore di quel giorno di vent’anni fa. Quell’episodio è rimasto un monito fortissimo, per la politica e le istituzioni, a fare di più sul fronte della lotta al dissesto idrogeologico e della messa in sicurezza del territorio”. “E’ importante continuare ad onorare la memoria di coloro che hanno perso la vita in quella notte – ha ribadito il sindaco di Catanzaro – rimasta impressa nei nostri ricordi: Ida Fabiano, Serafina Fabiano, Mario Boccalone, Raffaele Gabriele, Paola Lanfranco, Iolanda Mancuso, Giuseppina Marsico, Franca Morelli, Rosario Russo, Antonio Sicilia, Salvatore Simone, Concetta Zinzi e Vinicio Caliò, il cui corpo, purtroppo, non è mai stato ritrovato”. E Catanzaro, “oggi come allora”, continua a stringersi attorno al dolore dei familiari, “ringraziando in modo speciale quanti, nel mondo del volontariato, prestano il loro insostituibile servizio a sostegno – ha concluso il primo cittadino – di chi è più in difficoltà”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»