Contro il caporalato arriva la ‘navetta della dignità’

L’idea è della Fai Cisl di Foggia che ha avviato oggi il progetto di solidarietà sociale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Si chiama navetta della dignità perché intende dare dignità al trasporto dei braccianti impegnati nelle campagne del foggiano. L’idea è della Fai Cisl di Foggia che ha avviato oggi il progetto di solidarietà sociale. La navetta, che percorre le strade di campagna del foggiano con la collaborazione dell’associazione “Oltre le frontiere”, “è uno sforzo per aiutare coloro che hanno difficoltà a raggiungere il posto di lavoro dal proprio luogo di residenza e viceversa e rientra nella serie di interventi di contrasto al caporalato richiesti a gran voce nel corso degli ultimi mesi”, afferma Carla Costantino, segretario generale della Cisl di Foggia. 

“Predisporre un servizio di trasporto – aggiunge – significa tutelare la dignità lavorativa dei braccianti e favorire una reale integrazione“. “I lavoratori dei campi meritano il riconoscimento di dignità personale, senza distinzione di nazionalità”, aggiunge Lorenzo Di Varsavia, segretario generale della Fai Cisl di Foggia. 

“Il nostro impegno quotidiano ha il significato di favorire tutte le espressioni di legalità e regolarità”. “Credo sia indispensabile approntare gli strumenti necessari per consentire l’integrazione nel lavoro e nella società – sottolinea Diego De Mita, presidente Anolf di Foggia – Per questo, pratichiamo azioni di recupero e di socializzazione e servizi come ‘La Navetta della Dignità’ che allontanano dall’illegalità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»