Ue, Ursula Von der Leyen presenta la squadra. Gentiloni agli Affari economici (dove affiancherà Dombrovskis)

"Voglio una Commissione che offra delle risposte valide, flessibili, moderne e agili". Con questa premessa, Ursula Von der Leyen ha ufficializzato la lista dei commissari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BRUXELLES – Paolo Gentiloni è il nuovo commissario europeo agli Affari economici. Lo ha annunciato la presidente della Commissione Ursula Von der Leyen nel corso della conferenza stampa a Bruxelles nella quale ha illustrato la sua squadra. “Potremo beneficiare della sua ampia esperienza in materia economica”, ha sottolineato.

GENTILONI: MI IMPEGNERÒ PER CRESCITA, ONORERÒ ITALIA

“Ringrazio la presidente Ursula Von der Leyen per l’incarico che mi ha assegnato nella nuova Commissione”. Così Paolo Gentiloni, indicato alla guida della commissione agli affari economici della Ue. “La responsabilità di Commissario all’economia alla quale oggi sono stato candidato – aggiunge- è di grande rilievo in un momento cruciale per il futuro dell’economia europea. Mi impegnerò innanzitutto per contribuire al rilancio della crescita e alla sua sostenibilità sociale e ambientale. Cercherò di onorare l’Italia, il cui Governo mi ha proposto, lavorando nell’interesse di tutti i cittadini europei e in costante raccordo con il Parlamento europeo e le istituzioni dell’Unione”.

VON DERI LEYEN: “HO PARLATO CON GENTILONI E CONTE, FAREMO GRANDI COSE”

“Ho parlato recentemente il premier Giuseppe Conte e con Paolo Gentiloni. So benissimo quanto sia difficile affrontare determinate questioni, soprattutto in relazione al difficile momento economico che sta vivendo l’Italia, ma non solo. Volevamo dare una combinazione differente nella scelta dei commissari, con punti di vista diversi e intelligenti: Gentiloni collaborerà infatti con il nuovo vicepresidente e commissario all’Economia, il lettone Valdis Dombrovskis. Penso che insieme faremo grandi cose”. Lo ha affermato stamani la presidente eletta della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Rispondendo in conferenza stampa ai giornalisti che le hanno chiesto di motivare la nomina di Gentiloni agli Affari economici, von der Leyen ha ribadito come occorra affrontare e investire ulteriori energie nelle tematiche economiche e sociali. Infine ha plaudito alla nomina del neoministro italiano all’Economia Roberto Gualtieri, con cui – ha ricordato la presidente – ha collaborato spesso in sede europea.

UNA COMMISSIONE “CHE DIA RISPOSTE VALIDE E MODERNE”

La premessa di Von der Leyen, prima di leggere la lista ufficiale dei commissari candidati dai singoli stati membri, è stata: “Voglio una Commissione europea che offra delle risposte valide, flessibili, moderne e agili”. 

CI SARANNO TRE VICEPRESIDENTI ESECUTIVI

Una nuova struttura per la Commissione Ue targata Ursula von der Leyen e un impegno chiaro sui temi ambientali: “Voglio che lo European Green Deal diventi il segno caratteristico” dell’unione, dice il presidente eletto.

Il nuovo Collegio avrà otto vicepresidenti, incluso l’Alto rappresentante dell’Unione per la politica estera e la sicurezza (lo spagnolo Josep Borrell). I vicepresidenti saranno responsabili per le principali priorità delle linee guida politiche e “indirizzeranno il nostro lavoro sui più importanti temi globali”, segnalano da Bruxelles, “quali lo European Green Deal, un’Europa pronta all’età digitale, un’economia che lavori per la gente, la protezione dello stile di vita europeo, un’Europa più forte nel mondo e un nuovo impulso alla democrazia europea”.

Tre vicepresidenti esecutivi avranno una doppia funzione: “saranno sia vicepresidenti responsabili per una dei tre argomenti chiave della presidenza” von der Leyen. Ad esempio, il vicepresidente esecutivo Frans Timmermans (Paesi Bassi) coordinerà il lavoro sullo European Green Deal e gestirà le politiche di azione per il clima, sostenuto dalla direzione generale per l’Azione per il clima. “Voglio che lo European Green Deal diventi il segno caratteristico dell’Europa- dice il presidente eletto von der Leyen- al centro c’è il nostro impegno a diventare il primo continente climaticamente neutro del mondo. Ma si tratta anche di un imperativo economico di lungo termine: coloro che agiranno per primi e più velocemente saranno quelli che afferreranno l’opportunità della transizione ecologica. Voglio che l’Europa sia la prima in classifica. Voglio che l’Europa sia un esportatore di conoscenza, tecnologie e buone pratiche”.

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager (Danimarca) coordinerà l’intera agenda per un’Europa pronta all’era digitale e sarà commissario per la Concorrenza, con il sostegno della direzione generale per la Concorrenza.

Il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis (Lettonia) coordinerà il lavoro sull’Economia che funzioni per la gente e sarà commissario per i Servizi finanziari, sostenuto dalla direzione generale per la Stabilità finanziaria, i servizi finanziari e i mercati dei capitali dell’unione.

Gli altri cinque vicepresidenti sono:

Josep Borrell (Spagna, attuale ministro degli Esteri spagnolo): un’Europa più forte nel mondo;

Vera Jourova (Repubblica Ceca, Commissario nella commissione Juncker): Valori e Trasparenza;

Margaritis Schinas (Grecia, già membro dell’Europarlamento, funzionario di lungo corso della Commissione europea): Protezione dello Stile di vita europeo (Sicurezza e Migrazioni);

Maros Sefcovic (Slovacchia, vicepresidente nella commissione Juncker): Relazioni interistituzionali e lungimiranza;

Dubravka Suica (Croazia, membro dell’Europarlamento): Democrazia e Demografia.

TIMMERMANS A CAPO DEL ‘GREEN DEAL’ EUROPEO

Frans Timmermans (Olanda), del gruppo Partito socialista europeo (Pse), si occuperà del nuovo green deal europeo e gestirà la politica sugli affari climatici, collaborando con i commissari che si occupano di ambiente e agricoltura, nel pieno rispetto di una Europa capofila nelle tematiche climatiche e ambientali. Nella legislatura precedente, Timmermans ricopriva il ruolo di vicepresidente della Commissione europea.

MARGRETHE VESTAGER COMMISSARIA ‘ERA DIGITALE’

Sarà la danese Margrethe Vestager (Danimarca) la responsabile dell’agenda ‘Europe for the Digital Age’, nuovo portafoglio istituito per l’industria digitale, e andrà a comprendere anche il portafoglio alla Concorrenza. A renderlo ufficiale è la presidente eletta della Commissione europea Ursula von der Leyen, che ha ribadito come occorra “affrontare e investire ulteriori energie nelle tematiche digitali, in una era in cui proprio il digitale domina”. La liberale Vestager dal 2014 ha già rivestito il ruolo di commissaria europea alla Concorrenza nel team di Jean Claude Juncker. Nell’esecutivo von der Leyen, oltre che commissaria, sarà anche vicepresidente.

LA CROATA SUICA È COMMISSARIA A DEMOCRAZIA E DEMOGRAFIA

“Nella mia squadra, che risponderà con dedizione alle sfide europee, in un clima difficile, di forte rabbia, occorre capire che la democrazia è innanzitutto dare risposte ai cittadini. Voglia una Unione europea guardiana del multiculturalismo e della democrazia. Ho assegnato a Dubravka Suica (Croazia) la nomina di Vice presidente della Commissione, con delega alla Democrazia e alla demografia, per rispondere a queste nuove sfide”. Dubravka Suica appartiene al gruppo del Partito Popolare Europeo (Ppe).

IL POLACCO WOJCIECHOWSKI COMMISSARIO ALL’AGRICOLTURA

È il polacco Janusz Wojciechowski il nuovo commissario europeo all’Agricoltura. A confermarlo è stamani la presidente eletta della Commissione europea Ursula von der Leyen, secondo cui è importante affrontare e investire ulteriori energie per sostenere le attività agricole in ambito europeo. Janusz Wojciechowski appartiene al gruppo indipendente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»