Ogni 40 secondi nel mondo una persona muore suicida, è la seconda causa di morte tra i giovani

E' la seconda causa di morte tra i giovani. Twitter lancia una campagna per la prevenzione del suicidio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 10 settembre è la Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio.

“Nonostante i progressi, una persona muore ancora ogni 40 secondi per suicidio– ha dichiarato il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus- Ogni morte è una tragedia per la famiglia, gli amici e i colleghi. Eppure i suicidi sono prevenibili. Chiediamo a tutti i paesi d’integrare strategie comprovate di prevenzione del suicidio nei programmi nazionali di educazione sanitaria e in modo sostenibile”.

“Il tasso di suicidio più alto- prosegue l’Oms- si registra nei paesi ad alto reddito; ed è la seconda principale causa di morte tra i giovani. Quasi tre volte più uomini che donne muoiono per suicidio nei paesi ad alto reddito, in contrasto con i bassi- e paesi a medio reddito, dove il tasso è più uguale”.

“Il suicidio- aggiunge ancora l’Organizzazione mondiale della Sanità- è stata la seconda causa di morte tra i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni, dopo un infortunio stradale. Tra gli adolescenti di età compresa tra 15 e 19 anni, il suicidio è stata la seconda principale causa di morte tra le ragazze (dopo le condizioni materne) e la terza principale causa di morte nei ragazzi (dopo lesioni stradali e violenza interpersonale)”.

“I metodi più comuni di suicidio sono impiccagione, auto-avvelenamento da pesticidi e armi da fuoco. Gli interventi chiave che hanno dimostrato successo nel ridurre i suicidi stanno limitando l’accesso ai mezzi; educare i media alla denuncia responsabile del suicidio; attuare programmi tra i giovani per sviluppare abilità di vita che consentano loro di far fronte agli stress della vita; identificazione precoce, gestione e follow-up delle persone a rischio di suicidio”.

L’INIZIATIVA DI TWITTER

In occasione della Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio​, Twitter ha stretto una partnership con ​Samaritans Onlus,​ associazione no-profit italiana a sostegno delle persone in difficoltà avente come obiettivo primario la prevenzione del suicidio. A partire da oggi, per la prima volta in Italia, chi effettua una ricerca legata al suicidio o all’autolesionismo su Twitter, vedrà comparire in primo piano nella homepage una notifica che incoraggia l’utente a chiedere aiuto, indirizzandolo al servizio di ascolto telefonico di Samaritans Onlus.

Oltre a ciò, Twitter ha un ​form dedicato per segnalare gli utenti che minacciano di suicidarsi oppure di farsi del male sulla piattaforma. Un team di esperti specializzati analizza tutte le segnalazioni ricevute e fornisce agli utenti interessati strumenti online e ​hotlines per incoraggiarli a chiedere aiuto. La piattaforma fornisce inoltre informazioni utili nel proprio Help Centre​, rivolte sia alle persone in difficoltà che a chiunque sia preoccupato per un altro utente.

La notifica in homepage​- già attiva negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia, Corea, Giappone, Irlanda, Brasile, Spagna, Germania, Hong Kong e Singapore – ​viene lanciata quest’anno per la prima volta in Italia, Svezia, Belgio e Francia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»