Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alfano rilancia il ponte sullo Stretto: “Presenteremo un disegno di legge”

"Non vediamo il motivo perché non si debba più parlare del Ponte sullo stretto", commenta il ministro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non vediamo il motivo perché non si debba più parlare del Ponte sullo stretto: presenteremo un disegno di legge che rimetta in moto il progetto del Ponte sullo stretto”. Lo annuncia il ministro dell’Interno Angelino Alfano, nel corso della presentazione del piano di Area popolare per lo sviluppo del Mezzogiorno ‘Risorsa Sud – il Mediterraneo del Nord: un’opportunità per l’Italia’.

A. Alfano
A. Alfano

NCD. ALFANO: CHI VUOLE ANDARE VADA, IO SCOMMETTO CHE AUMENTEREMO – “Chi vuole andare con Berlusconi, con Renzi, con Salvini, vada, noi andiamo avanti con il progetto di riunione dei moderati italiani”. Lo dice il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nel corso della presentazione del piano di Area popolare per lo sviluppo del Mezzogiorno. “Sui giornali leggo la solita minestra riscaldata- aggiunge- leggo gli stessi articoli degli ultimi due, tre anni: noi siamo qui, e da quando siamo partiti, sia alla Camera sia al Senato, i numeri sono aumentati”. Poi, azzarda: “Accetto la scommessa sul futuro: ogni volta che dicono che abbiamo problemi alla fine ci troviamo sempre più numerosi di quando siamo partiti”.

(Dettagli dell’intervento di Alfano nel notiziario DIRE in abbonamento)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»