Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Si tuffa nel Canal Grande a Venezia rischiando di schiantarsi su un vaporetto

si tuffa nel canal grande a venezia
Un uomo palestinese di 32 anni si è buttato dal Ponte degli Scalzi, rischiando di finire su un mezzo di trasporto pubblico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Tuffandosi nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi ha rischiato di schiantarsi su un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv in transito. Una pattuglia del Pronto impiego della Polizia locale è intervenuta poco dopo, lo ha fermato, denunciato e fatto scattare a suo carico un Daspo che gli impone l’obbligo di lasciare il territorio comunale ed ha una validità di 48 ore.

Il protagonista è un palestinese di 32 anni, regolarmente residente in Italia in una struttura pubblica di accoglienza del trevigiano. Il fatto è avvenuto questa mattina verso le 11.30 quando il natante della Polizia locale, in navigazione lungo il Canal Grande all’altezza della stazione ferroviaria, ha sentito il suono degli avvisatori acustici dei mezzi privati e del trasporto pubblico provenire da sotto il Ponte degli Scalzi notando anche un capannello di persone affacciate sulle balaustre. Gli agenti, avvicinandosi, hanno subito individuato l’uomo in acqua: dopo il tuffo, stava nuotando mettendo in pericolo se stesso e chi rischiava di investirlo e ferirlo con le barche di passaggio.

Gli agenti hanno offerto di soccorrerlo a bordo del mezzo, ma, al suo rifiuto, hanno deciso di scendere a terra aiutandolo a salire dall’acqua sulle sponde della riva della stazione ferroviaria. Il 32enne palestinese, a quel punto, ha iniziato a dare in escandescenza alla richiesta di fornire le generalità ad inveire contro gli agenti minacciando anche atti di autolesionismo. Cosa che poi ha fatto rompendo un paio di occhiali da sole che aveva nel taschino per tagliarsi in diverse parti del corpo con i vetri delle lenti. I due agenti sono, quindi, riusciti ad immobilizzarlo conducendolo negli uffici della Polizia ferroviaria, intervenuta in supporto ai colleghi. Il 32enne è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e pericolo per la navigazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»