Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lapo Elkann solidarizza con l’Inter dopo le cessioni eccellenti e parte il derby d’Italia social

lapo elkann
L'imprenditore, grande tifoso juventino, invita a "non festeggiare il momento difficile di un avversario" ma molti sostenitori nerazzurri e bianconeri non si schierano dalla sua parte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Inter campione d’Italia perde i suoi pezzi pregiati sul mercato e incassa la solidarietà di Lapo Elkann, grande tifoso juventino. Ma non tutti, tra sostenitori nerazzurri e bianconeri, gradiscono. Il club detentore dello scudetto deve tagliare i costi, per espressa volontà della proprietà cinese della famiglia Zhang, e per questo si appresta a cedere al Chelsea Romelu Lukaku, uno dei grandi protagonisti dello scudetto insieme ad Achraf Hakimi che è già stato venduto al Psg.

Cessioni che fanno bene alle casse, ma dolorose dal punto di vista tecnico: i circa 115 milioni di euro che il Chelsea campione d’Europa sborserà per l’attaccante belga si aggiungono ai 60 milioni che il Psg ha pagato per l’esterno marocchino. Con buona pace di chi sperava che sarebbe bastato l’addio di Hakimi, sulla base delle parole dei dirigenti nerazzurri che avevano promesso un solo sacrificio nel mercato estivo. E se è vero che parte di questo tesoretto verrà reinvestito per dotare il nuovo tecnico nerazzurro Simone Inzaghi di una rosa competitiva – si parla di Duvan Zapata ed Edin Dzeko -, l’ambiente nerazzurro è in ebollizione. I tifosi temono di non poter difendere il titolo di campioni d’Italia e l’addio di Antonio Conte, vincitore dello scudetto che ha interrotto il dominio della Juventus, adesso viene visto da più di un tifoso in un’ottica diversa.

Proprio un tifoso bianconero d’eccezione, Lapo Elkann, è intervenuto su Twitter per commentare la cessione di Lukaku, invitando gli juventini a non celebrare il possibile ridimensionamento dei grandi rivali nerazzurri: “A me dispiace vedere una grande squadra come l’Inter in difficoltà – scrive Lapo, cugino del presidente della Juventus Andrea Agnelli – e credo sia da mediocri festeggiare un momento difficile di un avversario. That’s all folks”.

Una presa di posizione che ha suscitato reazioni contrastanti: se in poco più di due ore il tweet di Elkann ha raccolto più di duemila ‘Mi piace’, in tanti sono stati meno teneri con Lapo. Dalla sponda nerazzurra, Paul scrive: “Se per difficoltà intendi lo scudetto che vi abbiamo scucito dalle maglie e i 195m di Euro appena entrati ok”, mentre Fabio punge: “Barcellona-Juventus 3-0 (nel trofeo Gamper, ndr). Dormi tranquillo Lapo”.

I tifosi bianconeri ricordano invece a Lapo Elkann il modo in cui nel 2006 gli interisti accolsero la revoca degli scudetti e la retrocessione della Juventus per Calciopoli: “Lapo erano i primi a godere nel 2006 e sono sempre i primi a vedere campionati truccati da noi. Nessun rispetto per loro”, twitta Baldo. E Massimo, pur sottolineando “lo stile e la classe” di Elkann, sottolinea: “Non dimentichiamo parole e azioni durante e dopo Farsopoli. Per una volta almeno, scendiamo al loro livello: occhio per occhio, dente per dente”. Con tanto di hashtag #finoallafine, il motto che il presidente Andrea Agnelli ha voluto associare alla Juventus. Insomma, il campionato non è nemmeno iniziato – prenderà il via il 21 agosto, con Inter-Genoa e Udinese-Juventus – ma si è già in clima derby d’Italia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»