VIDEO | Autobus dell’Atac in fiamme a Roma

Erano circa venti le persone che si trovavano a bordo. Le fiamme hanno interessato, seppur lievemente, anche due auto parcheggiate e uno scooter
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Un autobus della linea 19 dell’Atac e’ andato in fiamme poco fa in viale Regina Margherita, all’incrocio con via Nomentana, a Roma. Sul posto i vigili del fuoco, che hanno domato l’incendio che ha completamente distrutto la vettura. Il rogo ha intaccato anche alcuni fili che servono ad alimentare i tram su viale Regina Margherita (il mezzo e’ proprio una navetta sostitutiva della linea tramviaria). Uno di questi fili e’ rimasto appeso sopra una delle vetture dei Vigili del Fuoco mentre un altro si trova a terra, di fronte all’autobus. Chiuso il traffico su viale Regina Margherita in direzione Regina Elena. Sul posti presenti anche i Carabinieri.

Erano circa venti le persone che si trovavano a bordo dell’autobus dell’Atac andato in fiamme intorno alle 12 di oggi in piazza Rio de Janeiro. Inizialmente e’ andata in fumo la parte posteriore del mezzo che, a quanto si apprende, non era nuovo. Le fiamme sono divampate in meno di 5 minuti ma la vettura, partita da via dei Gerani, era stata gia’ completamente evacuata. In questo momento un nastro della municipale impedisce l’accesso da viale Regina Margherita a piazza Galeno. Le fiamme hanno interessato, seppur lievemente, anche due auto parcheggiate e uno scooter.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»