Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘I padroni della terra’, il rapporto sul land grabbing dedicato ad Attanasio e ai nativi

padroni della terra
Il rapporto sull'accaparramento della terra è redatto e pubblicato dalla Federazione organismi cristiani servizio internazionale volontario (Focsiv)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ex ambasciatore italiano nella Repubblica democratica del Congo, Luca Attanasio, ucciso lo scorso febbraio in un agguato, per il suo percorso “personale e istituzionale dedicato al miglioramento delle condizioni delle popolazioni più vulnerabili. Ma anche i 331 leader indigeni uccisi nel 2020 “perché si sono opposti alla devastazione e hanno difeso la loro terra” e con questa, “tutto il pianeta”. E’ a loro, e per queste ragioni, che è dedicata la quarta edizione del rapporto ‘I padroni della terra’, redatto e pubblicato dalla Federazione organismi cristiani servizio internazionale volontario (Focsiv). A dirlo è stata la presidente di Focsiv, Ivana Borsotto, nel corso di una conferenza stampa di presentazione del documento che si è tenuta nella sala capitolare del convento di Santa Maria sopra Minerva, al Senato.
Borsotto ha evidenziato nel suo intervento che la pandemia “ha fermato tutto”, tranne l'”accapparamento della terra”, o ‘land grabbing’, il tema cioè su cui è incentrato il rapporto.

“Se nel 2018 erano 88 milioni gli ettari sottratti alle comunità locali e finiti nelle mani della speculazione, ora sono 93 milioni: un’areale esteso quanto i territori di Francia e Germania messi insieme” ha denunciato la presidente.

Il rapporto, secondo la massima dirigente di Focsiv, svela inoltre come questa pratica sia “interconnessa con il cambiamento climatico, l’aumento delle migrazioni, la crescita delle diseguaglianze e la corsa alle terre rare”. Il ‘land grabbing’, ha continuato Borsotto, è il prodotto di “un sistema che definiamo estrattivista”, che “fagocita le risorse e crea continuamente scarti in un loop infinto”.

Con ‘land grabbing’ si intende una pratica di acquisizione di terre nei Paesi in via di sviluppo, in genere tramite affitto a condizioni molto favorevoli o acquisto, operato da imprese multinazionali e governi dei Paesi ad alto reddito. I lavori che hanno portato al rapporto, ha sottolineato Borsotto, sono stati coordinati da Andrea Stocchiero e hanno visto la partecipazioni di 18 collaboratori di Focsiv.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»