VIDEO | Comunali Reggio Calabria, Davi: “Io liberale di sinistra con un sogno”

Il giornalista e massmediologo Klaus Davi ha presentato oggi la propria candidatura a sindaco di Reggio Calabria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
REGGIO CALABRIA – “E’ una corsa politica fino ad un certo punto perche’ non ci schiereremo con nessun partito. E non perche’ siamo contro la politica: siamo assolutamente favorevoli alla forma partito, ma in questa fase storica questa esperienza vuole essere un percorso di societa’ civile che raccoglie le istanze della societa’ civile”. Cosi’ il giornalista e massmediologo Klaus Davi nel presentare oggi la propria candidatura a sindaco di Reggio Calabria. Davi che si definisce un “liberale di sinistra” punta a creare un polo civico che riesca ad arrivare a comprendere tre liste. “Ho un sogno su questa citta’ – sostiene – e’ la citta’ multiculturale, e’ la citta’ che ha accolto tutte le religioni, la citta’ dell’accoglienza. E’ la citta’ di Gianni Versace del piu’ grande genio della storia moda, la mia sfida e’ raccontare questa citta’ e portare delle opportunita’”. Al primo posto tra le priorita’ del programma c’e’ quello “di portare via l’immondizia”. Poi “creare l’opportunita’ per i giovani, come stiamo facendo a San Luca – spiega il candidato sindaco – con l’arrivo di una multinazionale con capitale privato che, di concerto con il primo cittadino, sta dando delle chance di lavoro ai ragazzi. Stessa cosa con il modello Aponte fatto per il porto di Gioia Tauro”. Infine una parentesi sul mondo della moda. “Abbiamo la Dior -ricorda – che sta facendo una campagna mondiale con il bergamotto la possiamo sfruttare anche noi. Ho sentito Santo Versace che dopo un mio lancio sull’idea di creare una scuola di moda a Reggio Calabria vuole organizzare un incontro con il presidente della Camera della moda”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»