Inchiesta sui camici in Lombardia, M5s: “Basta, ora Fontana parli”

È più di un mese che, a detta di De Rosa, il M5s chiede che l'assessore al Clima e il governatore "riferiscano sulle inchieste che gettano ombre vergognose sull’amministrazione della Lombardia"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – “Martedì Fontana, insieme all’assessore Cattaneo, ha il dovere di venire in aula a spiegare ai lombardi che cosa sta accadendo. Non è tollerabile che si facciano vedere in Consiglio regionale solo per commemorazioni o inaugurazioni”. Lo afferma Massimo De Rosa, capogruppo del M5s Lombardia.

È più di un mese che, a detta di De Rosa, il M5s chiede che l’assessore al Clima e il governatore “riferiscano sulle inchieste che, ancora una volta, gettano ombre vergognose sull’amministrazione della Lombardia. Le indagini in corso sono ampie e sebbene siano solo all’inizio ci restituiscono un sistema di comando anomalo, imbarazzante e molto discutibile”.

Indagini che come specifica il pentastellato, “faranno il loro corso”, tuttavia “spetta però alla politica, e a chi amministra la regione, chiarire proprio perché l’eventuale coinvolgimento in inchieste non garantisce la concentrazione necessaria che dobbiamo avere in questo momento in cui vanno assunte decisioni fondamentali per rilanciare la Lombardia dopo l’emergenza Covid”.

Per quanto riguarda i dirigenti di Aria, il M5S fa sapere di avere chiesto da tempo di ascoltarli in Commissione, ma “anche in questo caso è stato finora impossibile un confronto politico pubblico“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»