Autostrade, ultimatum del Governo: “Nuova proposta entro fine settimana o via concessione”

Richiesta una riduzione ‘significativa’ delle tariffe e un piano di manutenzione efficace
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel corso della riunione al Mit di ieri, il governo ha ufficializzato il ‘no’ alla proposta presentata da Aspi ed ha invitato la societa’ a presentare una nuova offerta nel termine perentorio di questo fine settimana, tenendo conto pero’ di alcune richieste avanzate dalla parte pubblica: tra queste una riduzione ‘significativa’ delle tariffe e un piano di manutenzione efficace. Si tratta di un’ultima possibilita’ – spiegano- prima che sia dato corso alla risoluzione della concessione.

CONTE: “O PROPOSTA IRRINUNCIABILE DA ASPI IN EXTREMIS O REVOCA”

“O da Aspi arriva in extremis una proposta alla quale il governo non potrà dire di no perché particolarmente vantaggiosa per la parte pubblica, o tra poco ci sarà il provvedimento di revoca della concessione ad Autostrade”. Lo ha detto premier Giuseppe Conte.

AUTOSTRADE, DE MICHELI: “ASPI DEVE SAPERE COS’È INTERESSE PUBBLICO”

“Credo che Aspi sia nelle condizioni di capire e di sapere, dopo il lungo percorso di questi mesi, che cosa è l’interesse pubblico che ha indicato il presidente del consiglio”. Così il ministro alle Infrastrutture Paola De Micheli, oggi a Venezia per la prima prova di sollevamento di tutte e quattro le barriere del Mose.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»