Crollo diga Brumadinho uccise 248 persone, condannata multinazionale Vale in Brasile

L'entità dei risarcimenti sarà stabiliti dai tecnici. Intanto restano sotto sequestro beni della multinazionale per due miliardi e 900 milioni di dollari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La multinazionale mineraria Vale è stata condannata a versare risarcimenti per le vittime e per i danni provocati dal crollo della diga di Brumadinho, nello Stato brasiliano di Minas Gerais, avvenuto il 25 gennaio 2019. La decisione è stata assunta da un giudice federale, Elton Pupo Nogueira, con la prima sentenza relativa al disastro del gennaio scorso. Il magistrato ha sottolineato che sull’entità dei risarcimenti dovuti serviranno stime di tecnici ed esperti.

 VIDEO | Brasile, la multinazionale Vale sotto accusa per il crollo della diga di Brumadinho

 

Nella sentenza si precisa però che, a tutela dei familiari delle 248 vittime del crollo e delle comunità colpite, resteranno sotto sequestro beni di Vale per un valore di circa due miliardi e 900 milioni di dollari.

In una nota la multinazionale ha riferito dell'”impegno a risarcire rapidamente e con giustizia i danni causati alle famiglie, alle infrastrutture e all’ambiente”. La settimana scorsa il Senato nazionale aveva rivolto un appello alla magistratura affinché notificasse ai manager di Vale capi di accusa per disastro ambientale e omicidio colposo. La multinazionale ha sede in Brasile ma attività in diversi continenti, dal Nord America all’Africa.

VIDEO | Brasile, gli attivisti in allerta dopo Brumadinho: “45 dighe a rischio crollo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»