Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Incidente sulla linea Lecce-Bari, muore operaio al lavoro nella stazione di Brindisi

Altri suoi due colleghi sono rimasti feriti. La vittima aveva 57 anni ed era originario della Campania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È da chiarire la dinamica dell’incidente avvenuto all’una della scorsa notte nella stazione di Brindisi e in cui un operaio è morto. L’uomo, secondo quanto riferito da Rete ferroviaria italiana, era dipendente di una ditta appaltatrice e stava effettuando lavori di potenziamento delle rete. La società ferroviaria ha avviato una inchiesta interna per chiarire le cause dell’incidente su cui indaga anche la procura di Brindisi.

Per l’operaio sono stati inutili i soccorsi prestati dal 118. “Rete Ferroviaria Italiana e Italferr esprimono cordoglio e vicinanza ai familiari”, si legge in una nota diffusa dalla società.

OPERAIO MORTO IN STAZIONE ERA ORIGINARIO DELLA CAMPANIA

Con ogni probabilità, l’incidente avvenuto all’una della scorsa notte vicino la stazione di Brindisi e in cui un operaio è morto, è stato provocato da una improvvisa alterazione della linea elettrica.

L’uomo, secondo quanto riferito da Rete ferroviaria italiana, era dipendente di una ditta appaltatrice e stava effettuando lavori di potenziamento delle rete infrastrutturale quando è rimasto folgorato da alcuni cavi di alimentazione.

Altri suoi due colleghi sono rimasti feriti. La vittima aveva 57 anni ed era originario della Campania.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»