Migranti, da de Magistris venti piccoli rifugiati Sarahwi

Accolti in Comune, saranno a Napoli per tutta l'estate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il presidente del Consiglio Comunale, Sandro Fucito, e l’assessore al welfare, Roberta Gaeta, hanno incontrato nella sala giunta di Palazzo San Giacomo venti piccoli rifugiati Sahrawi, che insieme ai loro accompagnatori saranno ospitati nei mesi di luglio ed agosto 2017 in Campania, grazie alla Tiris Onlus Napoli ed alla Associazione Bambini senza confine.

Un’estate a Napoli

I bambini arrivano dai campi profughi allestiti dal 1976 nel deserto algerino subito dopo l’invasione del loro territorio, il Sahara Occidentale, da parte del Regno del Marocco.

I “piccoli ambasciatori di pace” testimoniano durante il soggiorno la dura condizione dell’esilio che vivono con le loro famiglie e la battaglia di liberta’, condotta da 40 anni dalla popolazione Sahrawi per la riconquista del Sahara Occidentale, la regione nordafricana piu’ ricca di risorse naturali.

Durante la loro permanenza in Campania, i bambini avranno assistenza medica e parteciperanno ad iniziative ludiche, sportive e culturali. Ogni rapporto con i bambini e le famiglie di Napoli, e degli altri comuni che li ospiteranno, sara’ un’occasione di conoscenza reciproca, nella prospettiva di legami piu’ duraturi in futuro e in continuita’ con la lunga esperienza di ospitalita’ regionale ai Sahrawi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»