Mafie. Alfonso: “In Emilia Romagna hanno fatto buoni affari”

mafia
Dalla regione le mafie hanno tratto buoni vantaggi, spiega
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’Emilia-Romagna “non è terra di mafia nel senso in cui può esserlo la Sicilia e la Calabria. Non è una zona in cui la mafia o la ‘ndrangheta controllano del territorio. Ma è una terra dove hanno fatto affari. E li hanno fatti bene, con grande loro vantaggio”. Lo dice oggi il procuratore capo di Bologna, Roberto Alfonso, numero uno dell’antimafia in Emilia-Romagna, che traccia un suo bilancio prima del trasferimento a Milano.

mafia

Tuttavia l’Emilia-Romagna “è una terra ormai infiltrata, dove c’è radicamento. Non ci si sono stati conflitti armati tra clan e gruppi, anche se a Reggio c’è stato un periodo in cui c’erano incendi a centinaia”. Alfonso dice di aver voluto in questi anni “tracciare il percorso” non solo con l’inchiesta Aemilia, ma anche sul traffico di stupefacenti, il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e i reati ambientali. “Per noi criminalità è anche questo”.

Ora, ha detto il procuratore in un altro passaggio dell’incontro con la stampa, “spero che il lavoro da me iniziato possa giungere a risultati migliori”. Alfonso ha rivendicato anche i risultati sul fronte organizzativo, a partire dagli 8.000 processi ‘smaltiti’ dai tempi del suo insediamento sotto le Due Torri. L’ultima ispezione ha mostrato che “l’arretrato è stato eliminato e i rilievi sono stati tutti rimossi. Gli sforzi sono stati premiati”.

di Mirko Billi – Giornalista Professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»