La bellezza dei nuraghi sardi in mostra sui traghetti

nuraghi sardegna
Cinque compagnie di navigazione che collegano l'isola con il Continente, aderendo a un'iniziativa portata avanti dall'associazione "La Sardegna verso l'Unesco", proietteranno sui monitor delle loro navi le clip sui principali siti archeologici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – Il mistero e l’antico fascino dei nuraghi saranno a breve compagni di viaggio dei turisti che anche questa estate sceglieranno i traghetti per visitare la Sardegna. Le cinque compagnie di navigazione che collegano l’isola con il Continente, aderendo a un’iniziativa portata avanti dall’associazione “La Sardegna verso l’Unesco”, proietteranno sui monitor delle loro navi dei video sui principali siti archeologici, oltre ad attivare la distribuzione di opuscoli in diverse lingue.

Il progetto è stato presentato oggi in una conferenza stampa da Michele Cossa, consigliere regionale dei Riformatori e presidente dell’associazione “la Sardegna verso l’Unesco”, dall’assessore ai Trasporti, Giorgio Todde e dal direttore generale della Pubblica istruzione, Renato Serra. Collegati in videoconferenza il direttore generale della Fondazione Sardegna, Carlo Mannoni, il direttore generale del Banco di Sardegna, Giuseppe Cuccurese, e i rappresentanti delle compagnie: Roberto Patrizi per Tirrenia, Massimiliano Lussana per Moby-Tirrenia, Francesca Marino per Grimaldi Group, Chiara Giovine, per GNV, Cristina Pizzutti per Sardinia Ferries.

“Ringrazio le compagnie che sostengono con entusiasmo il progetto per il riconoscimento del patrimonio nuragico nella lista Unesco– le parole di Cossa– pronte ora a farsi parte attiva in questa importantissima opera di conoscenza e divulgazione dei nostri monumenti, rispetto ai milioni di turisti che tutti gli anni vengono in Sardegna anche utilizzando le navi. Aspettiamo, da un momento all’altro, il parere dell’ufficio competente del ministero della Cultura che istruisce le pratiche per le candidature italiane Unesco: è un momento di ‘apprensione fiduciosa’, i segnali che abbiamo ricevuto sono molto positivi”.

Quindi l’assessore Todde parla di “un’iniziativa lungimirante che apre a tutto il mondo le bellezze della nostra isola, ricordo che sono coinvolti cinque vettori che ogni anno ospitano sulle loro navi milioni di passeggeri”. E promette: “Mi attiverò per fare in modo che la promozione venga fatta anche nei porti di partenza verso la Sardegna”. Quindi a nome di Fondazione Sardegna il Dg Mannoni spiega: “Abbiamo aderito con entusiasmo a questa iniziativa, il supporto alla cultura è una delle attività principali della Fondazione Sardegna. Un progetto importante, perché ha una duplice funzione: la tutela del patrimonio artistico e archeologico, e il posizionamento della nostra isola verso l’esterno. Spesso la nostra funzione è quella di facilitare l’avvio di progetti complessi, portare la Sardegna dentro l’Unesco è uno di questi”.

Concetti ribaditi da Cuccurese del Banco di Sardegna: “Siamo fortemente convinti della necessità di valorizzare la storia e la cultura della nostra isola, riteniamo che questo rappresenti un volano fondamentale anche per una crescita imprenditoriale sostenibile. Il Banco farà la sua parte, proietteremo nei 329 schermi delle nostre filiali, in Sardegna e nella Penisola, il filmato che andrà a pubblicizzare questa iniziativa. Penso poi che sia importante che affianco all’informazione ci sia la formazione, che deve essere alta e coerente. Questo progetto, importante dal punto di vista turistico, andrebbe esteso anche ai nostri giovani, sviluppato quindi nelle scuole”.

LEGGI ANCHE: In Sardegna raggiunto il milione di vaccini somministrati

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»