Chico Forti, la ministra Cartabia scrive (ancora) agli Usa

marta cartabia
Forti è in carcere dal 2000 con una condanna all'ergastolo per omicidio, si è detto vittima di un errore giudiziario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA- “La Ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ha indirizzato al Dipartimento di Giustizia americano e per l’esattezza all’attorney general, signor Merrick B. Garland, una lettera sul caso del connazionale Enrico Forti, condannato per omicidio nel 2000 negli Usa alla pena dell’ergastolo e attualmente recluso in un penitenziario della Florida”. Lo fa sapere una nota del ministero della Giustizia, che spiega: “La Ministra – che già ai primi di marzo aveva scritto al Governatore della Florida – è tornata ad occuparsi del caso, chiedendo stavolta l’interessamento personale dell’attorney general, Merrill B. Garland, nell’auspicio che il connazionale Forti, dopo oltre 20 anni già trascorsi in carcere in America, possa essere trasferito quanto prima in Italia, per scontare la pena nel suo paese d’origine”.

IL CASO

Chico Forti, ex windsurfer e produttore televisivo, nato a Trento nel 1959, dal 2000 è in carcere in Florida per una condanna all’ergastolo per omicidio. Ha sempre dichiarato di essere vittima di un errore giudiziario. È del dicembre 2020 l’annuncio del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che spiegava come Forti sarebbe potuto tornare in Italia. “Erano vent’anni che aspettava questo momento e siamo felici per lui, per i suoi cari, per la sua famiglia, per tutta la città di Trento. È un momento commovente anche per noi”, dichiarò Di Maio. Forti, però, in Italia non è mai tornato.

LEGGI ANCHE: Di Maio: “Chico Forti tornerà in Italia”. Salvini: “Splendido regalo di Natale”
Lettera di Chico Forti a Di Maio: “Un miracolo, Italia cambiata”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»