MotoGP, è ufficiale: cancellato il Gran Premio d’Italia al Mugello

L'Autodromo Internazionale del Mugello fa parte del calendario del Mondiale dal 1976 ed e' diventato una tappa fissa dal 1991
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – Il Gran Premio d’Italia 2020 della MotoGp, previsto sul circuito toscano del Mugello, e’ stato ufficialmente cancellato. La decisione e’ stata comunicata da Fim, Irta e Dorna, che in un primo momento avevano posticipato la gara a causa dell’emergenza Covid-19.

“Nonostante lo sforzo comune per trovare una soluzione pratica, l’impossibilita’ di mettere in scena un evento aperto al pubblico, cosi’ come le difficolta’ che sono emerse da questa situazione eccezionale, non ci hanno permesso di trovare una nuova data per il Gran Premio d’Italia”, ha fatto sapere Paulo Poli, amministratore delegato del Mugello Circuit. “Ringrazio tutti i nostri tifosi che ci hanno sostenuto e incoraggiato in questi mesi e li invito a tornare al Mugello nel 2021 per quello che sara’, come sempre, uno degli eventi piu’ rappresentativi della stagione”. 

Rammarico e “cuore spezzato” anche per l’ad della Dorna, Carmelo Ezpeleta: “Purtroppo non siamo riusciti a trovare una soluzione ai problemi logistici e operativi derivanti dalla pandemia e dalla riorganizzazione del calendario. Quella del Mugello sara’ una grande assenza, e’ uno dei circuiti piu’ belli del mondo“. Infine un ringraziamento ai tifosi “per la comprensione e la pazienza che hanno dimostrato nell’attesa che la situazione migliorasse. Non vediamo l’ora di tornare al Mugello la prossima stagione”. 

L’Autodromo Internazionale del Mugello fa parte del calendario del Mondiale dal 1976 ed e’ diventato una tappa fissa dal 1991: il 2020 sara’ dunque il primo anno senza l’appuntamento sul circuito toscano. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»