Caporalato, 52 arresti tra Calabria e Basilicata

La maxi operazione anticaporalato condotta dalla Guardia di finanza di Cosenza ha portato anche al sequestro di 14 aziende agricole
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – È scattata all’alba di oggi la maxi operazione anticaporalato condotta dalla Guardia di finanza di Cosenza, che ha interessato la Calabria e la Basilicata. I militari hanno arrestato 52 persone, 14 in carcere e 38 ai domiciliari, tra Cosenza e Matera. Per altre otto persone e’ stato disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Sequestrate 14 aziende agricole di cui 12 si trovano in Basilicata e due in provincia di Cosenza.

L’operazione ha coinvolto oltre 300 finanzieri del comando provinciale di Cosenza, con l’ausilio di militari dei reparti di Catanzaro e Crotone. L’ordinanza di applicazione di misura cautelare e’ stata emessa dal gip di di Castrovillari, Luca Colitta, su richiesta del pm Flavio Serracchiani, a carico di 60 persone, indagate per associazione per delinquere finalizzata all’intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

OPERAZIONE DEMETRA: “OLTRE 200 I BRACCIANTI STRUTTATI”

“Oltre 200 i braccianti reclutati e condotti sui campi in condizioni di sfruttamento, a cui si e’ imposto di lavorare in assenza di dispositivi di protezione individuale, impiegati in turni di lavoro usuranti e costretti ad accettare condizioni di lavoro degradanti e non conformi alle prescrizioni vigenti nel settore. E’ quanto emerso nell’operazione Demetra della guardia di finanza contro il capolarato che ha interessato la Calabria e la Basilicata.
L’indagine parte dal controllo, effettuato dai finanzieri della Tenenza di Montegiordano (Cosenza), di un furgone che, diretto nelle campagne lucane, percorreva la SS 106 Jonica con a bordo alcuni braccianti agricoli provenienti dalla sibaritide in Calabria. Le attivita’ d’indagine hanno condotto all’identificazione di numerosi italiani e stranieri, in particolare, di nazionalita’ pakistana, magrebina e dell’est Europa, impegnati in un’organizzata e fiorente attivita’ di sfruttamento illecito di manodopera bracciantile e di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina nella piana di Sibari.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»