Di Maio minacciato sui social: “Ti vogliamo morto insieme ai napoletani”

Le scritte nei confronti del ministro degli Esteri sono apparsu su un profilo twitter registrato con il nome di 'Carla'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  Minacce di morte nei confronti del ministro degli Esteri Luigi Di Maio sono apparse su un account twitter registrato con il nome di ‘Carla’. Sul profilo social si leggono le seguenti frasi: “Ti vogliamo morto”, “Ti vogliamo morto insieme a tutti i napoletani”, “Dovete morire” e “Morti vi vogliamo morti”.

minacce social Luigi Di Maio

LEGGI ANCHE: La ministra Azzolina sotto scorta dopo le minacce social

PATUANELLI: “GESTO IGNOBILE”

“Le minacce di morte che Luigi Di Maio ha ricevuto sui social sono un gesto ignobile. Ha sempre lavorato con coraggio e grande impegno e non saranno certo questi atteggiamenti a fermarlo. Siamo con lui”. Lo scrive su twitter il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli.

CARFAGNA (FI): “ODIO NON HA LIMITI”

“Non c’e’ limite all’odio. Oggi colpisce anche Luigi Di Maio e i napoletani. Al ministro va la mia solidarieta’. A chiunque sui social o altrove si permetta di offendere Napoli, l’invito a visitare la citta‘. Avra’ tanto da imparare e da amare”. Lo scrive su Twitter Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia. 

MELONI (FdI): “DIVISA POLITICAMENTE DA DI MAIO MA SOLIDALE CONTRO QUESTI ATTI”

“Da Luigi Di Maio politicamente mi divide tutto, ma la contrapposizione politica e il confronto delle idee non devono mai sfociare nell’intolleranza, in nessuna delle sue forme. A lui va la totale solidarieta’ da parte mia e di FdI per le minacce ricevute da alcuni haters sui social”. È quanto scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»