Spaccio di droga negli ‘orti’ a San Basilio, 38 arresti a Roma

Gli spacciatori si erano sistemati negli 'orti', dove era più facile nascondersi e fuggire in caso di intervento delle forze dell’ordine
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – C’erano le vedette, i contabili, gli spacciatori e anche chi si occupava di cucinare per i pusher. Era un’organizzazione in grande stile quella in cui si articolava la rete di spaccio agli ‘orti’ di San Basilio stroncata dai Carabinieri del Comando provinciale di Roma, che dalle prime luci dell’alba sono al lavoro, nella provincia di Roma e Latina, per eseguire l’ordinanza del gip di Roma che dispone misure cautelari, emessa su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Il provvedimento riguarda 39 persone: per 31 si aprono le porte del carcere, sette verranno sottoposti agli arresti domiciliari e uno all’obbligo di firma.

Le accuse, a vario titolo, sono associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, nonché ricettazione, nel quartiere romano di San Basilio.

Il sodalizio, in particolare, aveva preferito fissare il baricentro degli affari illeciti dall’area urbanizzata del quartiere a quella più impervia e strategica dell’area rurale, comunemente chiamata ‘gli orti’ dove era più facile nascondersi e fuggire in caso di intervento delle forze dell’ordine e che, al tempo stesso, avrebbe potuto garantire un ‘mercato’ di droga aperto sia di giorno che di notte e accessibile ai tossicodipendenti.

 

Le indagini dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Montesacro hanno permesso di ricostruire progressivamente e minuziosamente le dinamiche criminali di una porzione del territorio prepotentemente sottratta dalla criminalità ai cittadini onesti del quartiere di San Basilio. L’attività investigativa ha inoltre disvelato la struttura dell’organizzazione, consentendo di identificare varie figure operanti in seno al gruppo criminale, come contabili addetti alla verifica degli incassi giornalieri, vedette con il compito di indirizzare gli assuntori e allertare sulla presenza delle forze dell’ordine, spacciatori al dettaglio incaricati di gestire direttamente la consegna di droga, nonché persone appositamente dedicate alla preparazione dei pasti per i pusher e all’acquisto della legna da ardere per mantenere accesi i bracieri dove distruggere la droga in caso di controlli.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»