Industria, Fortuna: “Calo previsto, pesa l’andamento della Germania”

Intervista a Fabio Fortuna, economista e rettore dell’Università Niccolò Cusano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I dati sulla produzione industriale erano attesi in diminuzione, anche se si sperava che la pubblicazione potesse smentire quest’attesa. Dopo i dati incoraggianti di gennaio e febbraio, che ci avevano configurato come locomotiva d’Europa, marzo ha registrato una flessione, così come aprile. Soprattutto il settore auto soffre molto (-17,1%). Ovviamente influiscono anche i pessimi dati della produzione industriale della Germania, che ha avuto una diminuzione dell’1,9% rispetto a marzo”. Così Fabio Fortuna, economista e rettore dell’Università Niccolò Cusano, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus.

“Se la Germania ha difficoltà, essendo leader nell’Ue, anche gli altri Paesi ne risentono. E soprattutto noi, che abbiamo tanti rapporti con la Germania, come nel settore auto, evidentemente soffriamo la situazione. Tuttavia, era prevedibile che il secondo trimestre sarebbe stato complicato e dobbiamo augurarci che non si concluda con un dato negativo. Speriamo che nel secondo semestre dell’anno le cose possano andare meglio e che quindi anche per l’Italia si apra qualche sentiero di crescita percorribile” ha concluso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»