Migranti, Salvini chiude i porti italiani e scrive a Malta: “Accolga Aquarius”

A bordo della nave 629 persone tra cui 123 minori non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha scritto una lettera alle autorita’ di Malta chiedendo di far approdare a La Valletta la nave Aquarius con 629 migranti a bordo perché quello è il “porto piu’ sicuro”. Nel caso in cui Malta dovesse rifiutarsi di prestare soccorso Salvini ha fatto sapere che i migranti non sbarcheranno in Italia.

A bordo dell’imbarcazione ci sono 629 i migranti che sono stati tratti in salvo al largo della Libia mentre erano in viaggio su gommoni o barconi di fortuna. A soccorrerli mercantili, guardia costiera italiana e la Aquarius, una nave da ricerca e soccorso (Sar) di SOS Méditerranée, a bordo della quale sono stati infine fatti salire tutti i migranti.

Msf: “A bordo della nave Aquarius 629 persone, 7 donne sono incinte”

“Una notte estremamente intensa nel Mediterraneo centrale: ora a bordo della nave Aquarius ci sono 629 persone – tra loro 123 minori non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte. Sono state soccorse attraverso sei diverse operazioni di salvataggio”. Cosi’ sull’account Twitter di Medici Senza Frontiere. In un successivo Tweet Medici Senza Frontiere aggiunge: “Il soccorso di 2 gommoni è diventato critico quando uno dei due si è distrutto nel buio, lasciando oltre 40 persone in acqua. Da queste due imbarcazioni abbiamo soccorso 229 persone”

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»