hamburger menu

A Catania il reddito di cittadinanza anche a 2 condannati per mafia

La Guardia di finanza ha individuato 32 'furbetti' del reddito di cittadinanza in provincia di Catania: tra loro anche due persone condannate per mafia e tre che si trovavano agli arresti, in carcere o domiciliari

10/05/2022
amministratore

ROMA – Scoperti 32 indebiti percettori del Reddito di cittadinanza in provincia di Catania. Le indagini sono state portate avanti dalla Compagnia della guardia di finanza di Riposto. Il danno per le casse dello Stato, calcolato dalle fiamme gialle, ammonta a oltre 398mila euro.

I controlli incrociati con l’ausilio dei funzionari Inps hanno permesso di scoprire i 32, che sono stati denunciati alla Procura di Catania: 17 di loro non avevano comunicato l’esistenza all’interno del nucleo familiare di persone sottoposte a misura cautelare personale, mentre altri dieci non avevano inserito tra i dati i nominativi di condannati per reati di mafia facenti parte della stessa famiglia.

ANCHE 2 CONDANNATI PER MAFIA E 3 PERSONE AGLI ARRESTI

Altri due indagati, inoltre, non avrebbero potuto ottenere il bonus proprio perché condannati per associazione mafiosa, mentre altri tre si trovavano in carcere o ai domiciliari. Per 27 dei 32 è già scattato l’avviso di conclusione delle indagini, mentre l’Inps ha sospeso a tutti l’ottenimento del beneficio.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-10T19:28:03+02:00