Giorlandino: “Vaccino Covid attenua sintomi anche della variante brasiliana: ecco il riscontro clinico”

ricerca
Primo 'case report' grazie a test che individua le mutazioni del centro ricerche Altamedica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il vaccino contro il Sars-CoV-2 non blocca completamente l’infezione, soprattutto in caso di varianti, ma è in grado di attenuare la sintomatologia, in particolare negli anziani, dove spesso questa è grave. Il primo riscontro clinico in questo senso è stato ottenuto dall’Istituto Clinico Diagnostico di Ricerca Altamedica di Roma, ed è in via di pubblicazione sulla rivista scientifica Pathogens. Il Laboratorio Altamedica di Roma, grazie all’utilizzo del recente test messo a punto per la caratterizzazione delle varianti del virus Sars-CoV-2, ha identificato un particolare caso di paziente che, pur avendo ricevuto entrambe le dosi del vaccino (Pfizer), risultava positivo alla variante brasiliana.

LEGGI ANCHE: Covid, Bassetti: “Copertura vaccinale dura almeno un anno. Immunità di gregge? Forse non sarà necessaria”

VACCINATO CON PFIZER, POSITIVO ALLA VARIANTE BRASILIANA: SVILUPPATI SINTOMI LIEVI

L’uomo, 83 anni, aveva ricevuto la seconda dose il 16 febbraio 2021. L’11 marzo, entrando in contatto con un soggetto positivo, è stato contagiato dal virus e il 17 marzo, in assenza di sintomi, si è sottoposto a tampone molecolare risultando positivo al Sars-CoV-2. Nonostante il paziente avesse un titolo anticorpale (IgG) nella media dopo il vaccino, è risultato avere una carica virale molto alta e proprio per questo si è provveduto alla caratterizzazione delle varianti.

“Il test di identificazione rapida delle varianti- spiega Claudio Giorlandino, dirette scientifico del Centro Ricerche Altamedica- ha identificato le mutazioni della proteina S del lineage brasiliano. L’ulteriore analisi di conferma eseguita tramite Sequenziamento completo ‘Next Generation Sequencing’ del genoma virale ha confermato la presenza della variante. Solo tre giorni dopo il primo tampone positivo il paziente ha riportato lievi sintomi come mal di testa e sintomi influenzali che si sono risolti in due giorni senza alcun ausilio farmacologico. Il 22 marzo il paziente è risultato completamente negativo. Da recenti pubblicazioni scientifiche è emerso che le varianti brasiliana e africana sono in grado di effettuare un ‘escape’ dal sistema immunitario di circa 6 volte maggiore rispetto alla variante classica”. “Sfortunatamente però- ha osservato Giorlandino- le informazioni disponibili sulla copertura vaccinale alle varianti emergenti di Sars-CoV-2 sono molto scarse e relative ai soli studi in vitro, nessun trial o studio clinico su pazienti è ancora disponibile. Con questo ‘case report’ sottoposto e in via di pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica Pathogens per la prima volta si ha un riscontro clinico di come il vaccino, nonostante non riesca a bloccare completamente l’infezione soprattutto quando ci troviamo di fronte a particolari varianti, comunque è in grado di attenuare la sintomatologia soprattutto negli individui anziani dove questa è spesso grave”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»