Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Forza Nuova vuole impedire la conferenza di Mimmo Lucano: la politica protesta

Lectio magistralis del sindaco di Riace alla Sapienza prevista per il prossimo lunedì. Forza Nuova annuncia: "Non lo possiamo tollerare, pronti a bloccarlo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo il Salone internazionale del Libro di Torino e Casal Bruciato, l’estrema destra alza una nuova polemica. In vista di un’assemblea con il sindaco di Riace Mimmo Lucano, prevista per questo lunedì all’università di Roma La Sapienza, il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, ha annunciato una manifestazione per “bloccare la conferenza del sindaco indagato per sfruttamento dell’immigrazione clandestina”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Casal Bruciato, da Casapound insulti a madre rom con bimba: “Troia, ti stupriamo”

“Forza Nuova- si legge sulla pagina facebook del partito di estrema destra- non può tollerare che questo nemico dell’Italia salga in cattedra, lunedì alle 14,30 saremo in piazzale Aldo Moro fuori La Sapienza a dire no a Lucano, no alla sostituzione etnica, no al business dell’accoglienza e alle favole pro immigrazione”.

“Non può tollerare”, “bloccare la conferenza”: questi i toni da intimidazione squadrista che hanno generato l’immediata reazione della politica che ha chiesto al prefetto e al questore di Roma di vietare il comizio dei neofascisti.

ZINGARETTI: FORZA NUOVA CONTRO MIMMO LUCANO È PROVOCAZIONE, BASTA AMBIGUITÀ

“Sono certo che le forze dell’ordine, il prefetto e la questura garantiranno la libertà d’espressione dentro alla Sapienza. Ma è evidente che solo questo annuncio di voler impedire un evento come quello di Mimmo Lucano è una provocazione che ci dice quanto sia importante accendere in tutto il Paese una battaglia delle idee, a difesa della Costituzione e della democrazia. Sono troppi i segnali che hanno tutti un indirizzo: impedire l’espressione, la crescita è il rafforzamento degli spazi democratici. Solidarietà quindi a Mimmo Lucano, e ovviamente, come rappresentante delle istituzioni, faremo di tutto affinché la conferenza si tenga, e si tenga, come deve avvenire in un Paese civile, nel rispetto delle opinioni che si vogliono esprimere”. Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a margine di un evento a Roma, a proposito della manifestazione indetta lunedì da Forza Nuova a piazzale Aldo Moro, fuori all’ingresso dell’Università La Sapienza, in contemporanea con un seminario nella facoltà di Lettere a cui prenderà parte Mimmo Lucano.

BRESCIA (M5S): GOVERNO GARANTISCA LIBERTA’ DI PAROLA A LUCANO

“Forza Nuova non può vietare nulla a nessuno. L’università è un luogo pubblico. Il governo garantisca la libertà di parola a Mimmo Lucano. Le sue idee rispettano la Costituzione. Mi aspetto una reazione dal Viminale anche se non serve una direttiva”. Così Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio e deputato del MoVimento 5 Stelle, sulla lezione che dovrebbe tenere lunedì prossimo l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, alla Sapienza di Roma e che Forza Nuova intende bloccare.

CGIL: QUESTORE NON AUTORIZZI PRESIDIO FORZA NUOVA ALLA SAPIENZA

“I fascisti di Forza Nuova hanno organizzato un comizio a piazzale Aldo Moro, davanti a La Sapienza, contro la lezione che Mimmo Lucano terrà in università lunedì 13 maggio. Chiediamo al Questore di non autorizzare questo presidio, che è uno schiaffo alla cultura democratica e antifascista della città e del più grande ateneo di Roma”. Così la Cgil su Facebook.

PRC: QUESTORE VIETI ADUNATA FASCISTA ALLA SAPIENZA CONTRO MIMMO LUCANO

“I neofascisti di Forza Nuova hanno indetto all’università di Roma una manifestazione contro #Mimmo #Lucano che lunedì è stato invitato a tenere una lezione alla facoltà di Lettere. Quella dei neofascisti è una intimidazione e una provocazione che non può essere tollerata. Il questore ha il dovere di vietare questa manifestazione che fa tornare alla memoria le pagine più nere della storia d’Europa. Questi tetri figuri minacciano Mimmo come simbolo dei valori della #Costituzione nata dalla Resistenza. Non è accettabile che un uomo come Mimmo debba trovare ad accoglierlo all’università di Roma le minacce dei nipoti di Hitler e Mussolini. Proponiamo a tutte le antifasciste e gli antifascisti, alle forze democratiche, alle persone che vogliono bene a Mimmo di ritrovarci in massa davanti alla facoltà di lettere alle ore 14 per accogliere Mimmo con abbracci e applausi”. È quanto scrive su facebook il Partito della Rifondazione comunista.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»