fbpx

Tg Scuola, edizione del 10 maggio 2019

Con Special Olympics lo sport è integrazione
Andare oltre ai propri limiti, non mollare mai e credere in sé stessi. Adriano Ottaviani, atleta Special Olympics, lo ripete a sé stesso e ai ragazzi del liceo Kennedy di Roma, che hanno ascoltato il suo racconto nella palestra dell’istituto. Una storia che parla di umanità e determinazione, perché Adriano, medaglia d’oro di bowling individuale ai Giochi Olimpici Speciali di Abu Dhabi, non ha avuto paura nell’affrontare le sfide dello sport e della vita. È questo ‘Il valore dello sport’, titolo dell’evento organizzato dall’agenzia di stampa Dire e diregiovani.it per parlare di inclusione ma anche rispetto della diversità. Special Olympics, l’associazione fondata da Eunice Kennedy Shriver, è infatti l’organizzazione che dal 1968 fa allenare e competere persone con disabilità intellettiva e con ogni livello di abilità.

Il viaggio della consulta fa tappa a Genova
“L’incontro è frutto di un percorso iniziato nella nostra scuola dopo i tragici eventi del ponte Morandi. La nostra scuola dista poche centinaia di metri dal ponte. Per questo abbiamo avviato una riflessione sul bene comune”. Così il dirigente scolastico del liceo ‘Mazzini’ di Genova Mario Predieri ha aperto l’incontro con Marta Cartabia, vicepresidente della Corte costituzionale. Circa 170 studenti del quinto anno hanno preso parte all’appuntamento organizzato nell’ambito del progetto “Viaggio in Italia: la Corte costituzionale nelle scuole”. Uno scambio tra le istituzioni e i ragazzi sui valori fondanti della Repubblica e sulla tutela dei diritti ma anche dei doveri.

Studenti attori in cerca di umanità
Travestiti da investigatori con la lente d’ingrandimento in mano, gli attori bambini hanno cercato l’umanità per capire dove fosse finita, tra selfie, schermi, scroll, post, tag e shopping. Lo spettacolo si intitola ‘U.T. Umani Terrestri’ ed è andato in scena al teatro comunale di Sasso Marconi (Bologna) grazie agli alunni della scuola elementare di Borgonuovo. Scandagliando con ironia le situazioni quotidiane delle famiglie e le abitudini della nostra società, i piccoli attori ne hanno messo in luce i paradossi. Lo spettacolo, fortemente voluto dalla dirigente Maria Rosaria Rosmarino, è stato realizzato con la compagnia Momi e rientra nel progetto d’istituto avviato due anni fa e intitolato ‘Quo Vadis. Alla ricerca della chiave perduta dell’umanità’.

A Bologna lo School Maker Day
Centinaia gli studenti dell’Emilia Romagna che si sono confrontati sui temi dell’innovazione scolastica in occasione della quarta edizione dello School Maker Day all’Opificio Golinelli a Bologna. L’evento, organizzato in collaborazione con il servizio Marconi di USR-ER, ha visto la partecipazione degli alunni dell’ITIS ‘Belluzzi-Fioravanti’, scuola capofila del progetto, e dei ragazzi delle altre nove scuole secondarie della rete che fanno parte del laboratorio territoriale per l’occupabilità ‘Opus Facere – fare per capire’.


 

Dalle scuole: 

 

Istituto ‘Vallauri’ di Fossano
Con ‘ITALO – Robusta Costituzione e sani principi’ gli studenti hanno ricevuto il premio speciale ‘Marta Genovie’ De Vita per l’uso da parte delle scuole delle tecnologie informatiche’ nell’ambito del concorso di cittadinanza e costituzione ‘Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione’.

Liceo Da Vinci di Reggio Calabria
L’istituto reggino è risultato vincitore del primo premio nazionale alle Olimpiadi della Cultura.

Liceo D’Oria di Genova
Quarantacinque giovani del coro di Saint Michel di Friburgo a Genova per cantare e raccogliere fondi in solidarietà alle vittime del crollo del ponte Morandi. Il concerto nell’aula magna del liceo.

Istituto Einaudi di Roma
L’istituto romano ha organizzato la masterclass con Vittorio Storaro dal titolo ‘Scrivere con la luce’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

10 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»