Vigili del fuoco, nè elmi nè giacconi antifiamma: “Fateceli comprare”

In Emilia-Romagna anche il direttore del corpo, Silvano Barbieri, sottoscrive l'sos della Fp-Cgil
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Le scorte sono finite e i pompieri dell’Emilia-Romagna devono andare a spegnere gli incendi senza giacconi antifiamma, caschi ed elmi. E perfino l’insistenza del Comando regionale dei Vigili del fuoco finora non è riuscita a metterci una pezza. Tanto che “nel reiterare, aggiornare e precisare le istanze di fornitura con l’indicazione delle caratteristiche di priorità ed urgenza, si è provveduto a richiedere, in mancanza di essa, l’assegnazione delle somme necessarie a coprire il fabbisogno indifferibile”, ha messo nero su bianco Silvano Barbieri, direttore regionale del Corpo, rispondendo nei giorni scorsi alla Fp-Cgil.

Insomma, se sono finite le scorte di giacconi, caschi ed elmi e altre attrezzature necessarie ai pompieri, che almeno si mandino i soldi per comprarli direttamente “fermo restando che non si tratta di materiali di pronta reperibilità sul mercato”, ha aggiunto Barbieri. Ma non è così facile.

E’ dalla primavera del 2017, aggiunge il direttore regionale dei Vigili del fuoco che “l’argomento è oggetto di corrispondenza e contatti con le strutture centrali preposte alle forniture di generi di vestiario e di equipaggiamento per il personale operativo” e l’Emilia-Romagna non è la sola a fare i conti con queste carenze.

“Risulta che la problematica non sia limitata all’ambito regionale dell’Emilia-Romagna, in quanto consegue alla mancanza di scorte presso il magazzino centrale”. E se c’è qualcosa da poter dare ai pompieri, vengono prima i ‘nuovi’. “Risulta altresì che le modeste giacenze siano impiegate per la prima vestizione del personale di nuova assunzione”, scrive Barbieri.

Fatto sta che il vertice del Comando dei Vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna condivide le preoccupazioni della Cgil: l’interessamento della Fp “è palesemente motivato- dice Barbieri- ed interpreta i medesimi auspici che questo ufficio ha da più tempo rappresentato nelle sedi competenti”. La Cgil era stata perentoria nel chiedere che si fornissero ai pompieri i dispositivi di protezione. “E’ nostra convinzione che l’amministrazione debba provvedere immediatamente, garantendo ai Vigili del fuoco emiliano-romagnoli la fornitura degli indispensabili giacconi antifiamma che oggi sono completamente assenti dai magazzini provinciali e regionali”, ha detto Alessandro Monari, coordinatore regionale dei Vigili del fuoco per la Fp-Cgil.

“Non possiamo accettare che i pompieri restino sprovvisti di questi dispositivi di protezione individuali necessari a salvaguardare la loro incolumità“. Il sindacato inoltre ha segnalato anche la necessità di prendersi cura del tanto stress con cui devono fare i conti i pompieri. E’ anche stato lanciato un appello a “tutte le istituzioni e alla sensibilità pubblica” perchè non si lascino i vigili del fuoco senza i materiali di cui hanno bisogno.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»