Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trapani, indagati alcuni vicini alle ong; aumentano gli abbonati Rai; Pd-M5s, scintille su Banca Etruria

[video width="800" height="444" mp4="http://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/05/tg-politico-10-mag.mp4" poster="http://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/02/tg_politico.jpg"][/video] Ecco titoli del Tg politico realizzato dall'agenzia DIRE A TRAPANI INDAGATE PERSONE LEGATE
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ecco titoli del Tg politico realizzato dall’agenzia DIRE

A TRAPANI INDAGATE PERSONE LEGATE ALLE ONG

La procura di Trapani indaga per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina alcune persone legate alle ong. Lo ha riferito alla commissione difesa del Senato Ambrogio Cartosio, procuratore di Trapani. Per i magistrati trapanesi vi sono casi in cui soggetti che si trovano a bordo delle navi sono al corrente del luogo e del momento in cui arriveranno i barconi coi migranti. E’ da escludere pero’ che questo avvenga in cambio di denaro. In ogni caso, ha detto Cartosio, se l’intervento delle ong e’ per salvare vite, il favoreggiamento non e’ punibile.

AUMENTANO GLI ABBONATI RAI, E RENZI: CANONE ANCORA GIU’

Grazie al canone Rai in bolletta gli abbonati sono aumentati di 5,5 milioni passando da 16,5 a circa 22 milioni di persone. Il recupero di gettito garantito dal nuovo regime ha consentito la riduzione dell’imposta da 113,5 euro nel 2015 a 100 euro nel 2016 fino a 90 euro nel 2017. Sui dati illustrati dal direttore dell’Agenzia delle entrate, nel corso di una audizione alla Camera, Matteo Renzi ha subito rilanciato: “Ho in mente altre iniziative sul canone che continua a essere una tassa esosa”.

NEL 2017 PIU’ 8XMILLE ALLA CHIESA CATTOLICA

Cresce la percentuale 2017 delle scelte 8xmille a favore della Chiesa cattolica. Il dato verrà comunicato dall’Assemblea generale dei vescovi del prossimo 22 maggio, ma si tratta di dati in crescita- dice all’agenzia Sir Matteo Calabresi, responsabile del Servizio Promozione Cei -. Una conferma del trend positivo con l’80,9% di firme nel 2016 per la Chiesa cattolica in crescita rispetto al 2015. Gli ultimi due anni, dunque, registrano “l’effetto Papa Francesco” con l’ulteriore incremento di fiducia verso la Chiesa generato anche nei fedeli italiani.

PD-CINQUESTELLE, SCINTILLE SU BANCA ETRURIA

“La Boschi si dimetta”. Cinque stelle in pressing sulla sottosegretaria alla presidenza del consiglio, chiamata in causa da Ferruccio De Bortoli. Boschi -ha scritto nel suo ultimo libro l’ex direttore del Corriere- chiese all’allora ad di Unicredit Ghizzoni di valutare l’acquisto di Banca Etruria. L’istituto di credito smentisce. Smentisce anche la sottosegretaria che replica ai Cinque Stelle: “La misura e’ colma, da ora in poi della questione si occuperanno i miei legali”.

LEGGE ELETTORALE, AVANZA IL FRONTE PROPORZIONALISTA

Forza Italia, M5S, Mdp convergono su un sistema ispirato all’italicum modificato dalla Corte costituzionale. Una legge di tipo proporzionale con sbarramento basso, al 5 per cento, valida sia per la Camera che per il Senato. La svolta di Forza Italia in commissione affari costituzionali segna l’allontamento tra Pd e Forzisti. Nelle scorse ore Ettore Rosato e Renato Brunetta hanno tentato di arrivare a un’intesa, con il Pd che ha proposto il mattarellum corretto con il 50 per cento di quota proporzionale. Ma da Forza Italia e’ arrivato un no secco a qualsiasi sistema ispirato al maggioritario.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»