Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giulio Regeni, El Teneen lo ricorda con la street art

Lo street artist egiziano ha realizzato un grande graffito ispirato al volto del giovane ricercatore italiano ucciso al Cairo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Giulio Regeni by El Teneen
Giulio Regeni by El Teneen

Roma – El Teneen, uno dei più importanti street artist egiziani, ha realizzato un grande graffito ispirato al volto di Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano ucciso al Cairo. Sull’immagine compare una scritta in arabo color rosso sangue: “Giulio è uno di noi ed è stato ucciso come noi”. Parole amare e dure, ma necessarie per non dimenticare e chiedere giustizia. Non è un caso che lo street artist abbia scelto di riprendere la frase più popolare tra gli hashatg che su twitter circolavano nei giorni della notizia dell’uccisione di Giulio. In Egitto i graffiti sono un importantissimo strumento di comunicazione per le persone comuni, nonostante gli artisti egiziani debbano fare i conti con un pressante controllo di polizia per le strade e con un clima di pesante censura. Ma si sa, la libertà di espressione non è certo una priorità dell’attuale governo. La gente però parla e racconta quello che accade sui muri. Anche gli street artist Naguib e iAhmed invaderanno nei prossimi giorni le vie del Cairo e di Berlino con degli Stencil raffiguranti il volto di Giulio, per denunciare, ricordare e chiedere giustizia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»