Raul Castro: sono comunista ma se Papa Francesco continua così tornerò a pregare

"Leggo tutti i discorsi del Santo Padre, se
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

raul castro“Leggo tutti i discorsi del Santo Padre, se continuerà a parlare così, anch’io che sono comunista ricomincerò a pregare. E non lo dico per scherzo. Forse tornerò alla Chiesa cattolica”. Così Raul Castro, presidente della repubblica di Cuba, in conferenza stampa con il premier Matteo Renzi.

“Quando il Papa verrà a Cuba- ha aggiunto- prometto di assistere a tutte le messe che celebrerà. Lui è un Gesuita e anche io ho sempre fatto scuole dai Gesuiti, e ammiro Frei Betto, un teologo della Liberazione”.

Castro ha poi annunciato che “forse il 28 maggio Cuba sarà fuori dalla black list Usa. Noi siamo considerati terroristi dal governo di Reagan. Obama non era nemmeno nato. I nostri rapporti con Obama sono ottimi anche se è in  minoranza in entrambi le camere del congresso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»