Coronavirus, dai sindaci lucani uova di cioccolata ai bimbi dei loro paesi

Muro Lucano, Acerenza, Tolve, Forenza, Fardella, San Fele, Bella, San Mauro Forte, sono alcuni dei comuni che hanno consegnato un dono speciale ai loro bambini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Muro Lucano, Acerenza, Tolve, Forenza. E poi Fardella, San Fele, Bella, San Mauro Forte. Sono alcuni dei comuni lucani i cui sindaci hanno consegnato un dono speciale ai bambini che animano i propri paesi: un uovo di Pasqua per ogni piccolo cittadino, in alcuni casi con tanto di biglietto di auguri a firma del sindaco. A Muro Lucano e Tolve le uova di cioccolato sono state prodotte dalle piccole pasticcerie artigianali locali. “Toccherà a tutti noi, subito dopo questa crisi, costruire un nuovo modello di vita e avere una forte visione di quello che dovrà essere il futuro – scrive sui social il primo cittadino di Muro Lucano, Giovanni Setaro -. Nonostante tutto è importante conservare le nostre radici e tramandare alle future generazioni la nostra cultura”. Ad Acerenza le uova sono state offerte dal market del paese.
Il sindaco, Fernando Scattone, commenta così su Facebook l’iniziativa: “Una Pasqua diversa da tutti gli altri anni, con le famiglie costrette a stare chiuse in casa, ma questo non vuol dire che non puó esserci spazio per la solidarietà e per un po’ di dolcezza per i più piccoli”. E con il loro auguri i sindaci rinnovano ai loro concittadini l’invito a “stare a casa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»