VIDEO | De Luca: “Non torneremo alla normalità, tra 15 giorni mascherine obbligatorie”

Lo ha annunciato, nel corso di una diretta Facebook, il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


NAPOLI – “Noi non abbiamo adottato la misura di Fontana in Lombardia perchè prima vogliamo mettere in produzione 3 milioni, 3 milioni e mezzo di mascherine. Poi a fine mese, entro due settimane, faremo un’ordinanza per renderle obbligatorie”. Lo ha annunciato, nel corso di una diretta Facebook, il governatore campano Vincenzo De Luca. “Noi non torneremo alla vita normale. Ad esempio, per mesi dovremo indossare le mascherine, perchè anche se spegniamo i focolaio la quantità di contagiati è enorme”, ha aggiunto De Luca. Il presidente della Regione Campania ha quindi annunciato che dalla prossima settimana partirà la distribuzione gratuita di mascherine “alle farmacie, ai medici di medicina generale, alle Rsa, alla Caritas e ai servizi sociali dei Comuni. Arriviamo alle fasce più deboli della popolazione e poi pensiamo di mettere in vendita le mascherine in supermercati e tabaccai a prezzo dimezzato rispetto a quello di costo, anche per evitare fenomeni speculativi. Quando avremo dato 3 milioni di mascherine alle famiglie ne renderemo l’uso obbligatorio quando si sta fuori casa”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, De Luca: “Da Protezione civile 500mila mascherine del coniglietto Bunny”

LEGGI ANCHE: Coronavirus, prolungamento del lockdown fino al 3 maggio

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»