#Atuttomondo: le principali notizie dall’estero

A cura dell’Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – #ATUTTOMONDO. Questo il titolo della rassegna stampa internazionale dell’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo. In collaborazione con l’agenzia Dire, ogni martedì e venerdì verrà diffuso sulla rete nazionale delle agenzie, sul sito e social della Dire.

Il Covid-19 si lega fortemente alla sfera dei diritti e dei doveri, non solo quelli dell’essere umano, ma anche a quelli istituzionali nazionali e internazionali.

Fra questi, il diritto di poter accedere liberamente ai servizi sanitari è oggi più che mai cruciale.

L’assenza di questo infatti, da un lato rende vulnerabili anche gli Stati più solidi e stabili, dall’altro costringe a riflettere sulla vasta fascia di popolazione mondiale che non ne gode.

E poi c’è il dovere alla solidarietà.

Il trattato di Lisbona del 2007, ad esempio, che disciplina il funzionamento dell’Unione Europea, prevede una clausola di solidarietà.

Secondo questa, gli Stati membri devono agire congiuntamente e in maniera solidale nei confronti degli Stati dell’Unione che siano colpiti da avversità militari, umane o naturali.

Il Covid-19 rappresenta quindi, forse, l’ora di rinnovare lo spirito di buona volontà e di mutua assistenza che a partire dal quotidiano e individuale si proietti nel permanente e globale, garantendo l’adempimento dei doveri necessari e la tutela dei diritti fondamentali, nessuno escluso.

Sara Nardi

CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA COMPLETA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»