fbpx

Tg Psicologia, edizione del 10 aprile 2020

– CORONAVIRUS. È FEBBRE ‘PANIFICAZIONE’ TRA TRADIZIONI, RELIGIONE E PSICHE

Ragioni psicologiche, istinti primordiali, tradizioni, radici e in ballo c’è anche il Cristianesimo. Tante le motivazioni dietro la tendenza massiva alla panificazione, che sta conquistando gli italiani in questo primo mese di lockdown. A parlarne è Stefano Frangella, panettiere nel II municipio di Roma, che “in questo periodo epocale” panifica molto più che a pieno ritmo.

– LO PSICHIATRA: DARE PREVISIONI FINE ISOLAMENTO MIGLIORA TENSIONE

“Il cambio di stile di vita all’inizio può essere accettato più facilmente, ma nel tempo diventa molto stressante. Un vero fattore di rischio su cui le autorità dovrebbero riflettere è l’incertezza. È vero che nessuno sia in grado di definire quando e come usciremo da questa situazione, ma fare una previsione può aiutare le persone a gestire meglio questo stato di tensione che vivono”. A dirlo è lo psichiatra Tonino Cantelmi, presidente Itci.

– CORONAVIRUS. DI RENZO (IDO): FUTURE MAMME PIÙ RESILIENTI

“In casi di donne che hanno una maggiore vulnerabilità il non sentirsi sostenute in gravidanza durante questa emergenza potrebbe portare ad un maggior rischio di sviluppare una depressione post partum”. Allo stesso tempo “il fatto di non avere degli appoggi attiva resilienze che in condizioni normali non sarebbero state attivate”. A sostenerlo è Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie IdO , che spiega quali sono le paure che popolano le menti delle donne che stanno vivendo la gravidanza in quarantena.

– CNR: RADDOPPIA TEMPO SU WEB, PAESE SPACCATO SU EMOZIONI IN QUARANTENA

“Leggono, ascoltano musica, cucinano, ma l’elemento preponderante è l’uso di internet: si è raddoppiato, se non triplicato, il tempo che gli italiani trascorrono sui social media”. Parla Antonio Tintori, responsabile dell’indagine del Cnr sui ‘Mutamenti sociali in Atto-Covid19’. Il ricercatore presenta, inoltre, un’Italia divisa in due in relazione alla gestione emotiva dell’emergenza.

– CORONAVIRUS. SINPIA: BENE TRAINING INTENSIVO GENITORI

Per tutte le attività che non siano “situazioni di reali emergenze e urgenze, ci siamo mossi con l’interruzione della modalità in presenza”. Questa una delle prime modifiche contenute nel documento Sinpia sulle ‘Attività clinico-assistenziali durante l’emergenza Covid’, che struttura l’intervento da remoto. In sostanza prevede l’attivazione di “training molto intensivi per i genitori”, che in questo momento “hanno il massimo interesse e possibilità nell’applicare le indicazioni che insieme condividiamo. E i risultati sono anche migliori della terapia fatta direttamente al servizio”. Ne parla la presidente Sinpia, Antonella Costantino.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

10 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»