Coronavirus, benefattore dona duemila uova di cioccolato ai bambini di Canosa

Al Palazzo di città sono state recapitate 966 uova per maschietti e 966 uova per femminucce, suddivise in base alle sorprese
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI –  Ha deciso di donare 1932 uova di cioccolato per regalare un sorriso ad altrettanti bambini di età compresa tra uno e dieci anni residenti a Canosa di Puglia, nel nord barese. Ha preso carta e penna e ha scritto una lettera fatta recapitare con i dolci a Palazzo di città.

“Una telefonata, un biglietto, un messaggio whatsapp per una notizia che ci ha sorpreso e che ha creato un’ora di scompiglio nella Protezione civile comunale”, racconta il sindaco Roberto Morra che, verificando le scatole, ha appurato la presenza di “966 uova per maschietti e 966 uova per femminucce, suddivise in base alle sorprese”. “Abbiamo estratto dagli uffici dell’anagrafe – riferisce il primo cittadino – tutti i bambini di età compresa fra uno e dieci anni, con relativo indirizzo di residenza e abbiamo organizzato il lavoro. Da questa mattina le associazioni confraternita misericordie e Operatori emergenza radio hanno iniziato la distribuzione delle uova così come richiesto dal nostro benefattore – conclude Morra- Lavoreremo anche a Pasqua e Pasquetta per portare un sorriso ai bambini così come voluto dal nostro generoso concittadino”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»