Orlando, Cuperlo, Emiliano e Boccia fuori dal Pd? Sul web spunta la ‘petizione’ per espellerli

La petizione per l'espulsione lanciata sulla pagina Facebook 'Osservatorio Democratico' contro gli esponenti del Pd che "danneggiano il partito" con le aperture ai 5 Stelle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Meno siamo, meglio stiamo: sembra essere questa la linea degli iscritti alla pagina Facebook ‘Osservatorio Democratico‘, gruppo di attivisti del Pd che, in questi giorni, sta proponendo l’espulsione dal partito per Andrea Orlando, Gianni Cupero, Francesco Boccia e Michele Emiliano. Questi, secondo gli amministratori della pagina, sarebbero colpevoli di danneggiare il Pd con le loro aperture ai 5 Stelle.

La pagina facebook da cui viene la petizione non è una pagina ufficiale del Partito Democratico ma, nonostante sia seguita da ‘solo’ 4.000 persone, i post sulle possibili espulsioni sono diventati subito virali ed hanno acceso il dibattito.

Il primo, accompagnato da un eloquente “#lamisuraècolmanoncelafacciamopiù”, ha ottenuto oltre 650 condivisioni e moltissimi commenti. Grande successo anche per il sondaggio, lanciato questo pomeriggio, che in poco più di un’ora ha ottenuto più di 250 voti: un numero considerevole, tenendo conto dei ‘followers’ della pagina. Il risultato, ovviamente, è scontato.

Bisogna fargli capire che la maggioranza vince e che lui la deve smettere di continuare a criticare Renzi e il PD perché sta danneggiando il partito”, si legge nei commenti. “Ma vi rendete conto che il PD ha perso le elezioni per le divisioni interni e per parlare male del segretario”, scrive un altro iscritto al gruppo, “se non stanno bene- aggiunge- perché non lasciano e vanno nel gruppo misto? Cosa ha fatto Cuperlo Emiliano solo devastazione verso il PD, mai sentiti parlare male dell’avversario”.

Ma c’è anche chi è più dialogante: “Secondo me non vanno espulsi perché si atteggerebbero a perseguitati. Vanno rimbeccati come ai vecchi rimbeccano gli avversari. Col tempo o si rassegneranno all’emarginazione o lasceranno il partito“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»