Bangladesh, lo studente: “Basta lacrimogeni, il Governo ci ascolti”

Le proteste e le manifestazioni di piazza sono scoppiate domenica sera e proseguono anche oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il governo ha autorizzato le forze dell’ordine a caricare i manifestanti, usando pallottole di gomma e gas lacrimogeni contro una protesta pacifica”: lo denuncia all’agenzia DIRE Ahnaf, uno degli studenti dell’Università pubblica di Dacca, che ha aderito alla protesta del Bangladesh General Students’ Rights Protection Forum (Bgsrpf).

Questa associazione studentesca chiede una riforma della legge delle “quote”, un sistema che riserva il 56 per cento degli impieghi nella pubblica amministrazione ai veterani della guerra del 1971 o ai loro parenti. E anche nella giornata di oggi stanno proseguendo le manifestazioni, scoppiate nella serata di domenica. Già ieri i media locali riferivano di un centinaio di feriti tra gli studenti: “Gli agenti ci hanno attaccati, un mio compagno di corso ha perso un occhio, e decine di altri sono ricoverati con profonde ferite causate dai proiettili di gomma”, dice Ahnaf.

Il governo sta rovinando il Paese” prosegue lo studente. “In Bangladesh vivono 160 milioni di persone e l’accesso ai posti pubblici viene riservato solo ai veterani della guerra del ’71, che rappresentano il 2% dell’intera popolazione. Il 2%, che gode del 56% dei posti. Noialtri – il 98% dei laureati – siamo costretti ad accontentarci del 44%. E’ una situazione molto difficile”. Il governo, riferiscono i quotidiani bengalesi, ha promesso che incontrerà i rappresentanti degli studenti il 7 maggio, “ma si tratta di uno stratagemma per prendere tempo e far sgonfiare la protesta”, commenta lo studente.

“Alcuni hanno accettato di sospendere i cortei, ma la maggior parte degli studenti continuerà i sit-in e le dimostrazioni pacifiche finché il governo non prenderà seriamente in considerazione le nostre richieste”, conclude Ahnaf.

Sulla stessa linea un dottorando rappresentante del Forum studentesco: “Non volteremo le spalle alla volontà degli studenti e non permetteremo alle istituzioni di perdere tempo”. I cortei, iniziati nella serata di domenica, stanno continuando negli atenei pubblici della capitale bengalese e in altre città, tra cui quello di Chittagong a sud, Silhet a nord e Rajshahi a est. In ogni località la partecipazione starebbe superando i mille studenti. A Dacca, secondo il dato diffuso dagli studenti ma non confermato dalle autorità, a protestare nel campus universitario sarebbero stati oltre 4.200 giovani.



Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»